Un battiscopa distrugge il vetro di un mezzo di AnconAmbiente

Un battiscopa ha fracassato il vetro di uno dei mezzi aziendali e, ancora una volta, solo per pura fortuna nessuno degli addetti al servizio è incorso in danni fisici

“Lo si fa per negligenza o forse per distrazione, ma conferire un rifiuto in maniera errata crea una serie di criticità concatenate cui il grado di pericolosità è decisa solamente dal fato”. Sono queste le parole di Roberto Rubegni Amministratore Delegato di AnconAmbiente Spa a commento dell’ultimo incidente in ordine cronologico accaduto in azienda e che, ancora una volta, solo per caso non ha portato a conseguenze per gli operatori, ma solamente (si fa per dire), ai mezzi e all’ambiente.

Un battiscopa ha fracassato il vetro di uno dei mezzi aziendali e, ancora una volta, solo per pura fortuna nessuno degli addetti al servizio è incorso in danni fisici. Il rifiuto, infatti, deve essere smaltito presso il CentrAmbiente, in questo caso è stato conferito erroneamente all’interno di un contenitore che, una volta raccolto dagli operatori di AnconAmbiente e svuotato correttamente all’interno del mezzo dotato di compattatore lo ha schiacciato insieme ad altri oggetti. La pressione derivante dal piatto espulsore, che comprime il rifiuto all’interno del mezzo, ha fatto schizzare una parte dell’oggetto in legno il quale ha infranto un vetro della cabina posteriore del mezzo, fortunatamente, in questo caso, non occupata dagli operatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Invito tutti i cittadini ad una riflessione – ha continuato Rubegni – quando si compie un’azione del genere si commettono 3 gravissimi errori contemporaneamente. Il primo: si rischia, come più volte sottolineato, di arrecare danni fisici gravi agli operatori di AnconAmbiente S.p.A., con responsabilità penali e morali di chi ha compiuto l’atto. Il secondo: non si rispetta l’ambiente che, come è noto, è patrimonio inalienabile di tutti! Il terzo: si ingenera un danno economico all’azienda che sarà risarcito dalla collettività, ivi compreso colui che ha compiuto questa incredibile leggerezza. Il suggerimento per tutti i cittadini è sempre lo stesso: prima di gettare i rifiuti consultate tutti gli strumenti messi a disposizione dall’azienda dove in maniera chiara sono indicate le metodologie di conferimento. I prodotti di comunicazione oggi sono: il Rifiutologo cartaceo, la App Junker, il sito istituzionale e il numero verde gratuito da telefonia fissa 800.680.680, gli strumenti ci sono, consiglio a tutti quanti di utilizzarli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento