Portonovo, irregolarità al ristorante "Da Anna": la Procura indaga 7 persone

Secondo la difesa dagli indagati ci sono degli aspetti amministrativi da verificare per cui non si potrebbe trarre alcuna conclusione di carattere penale prima che si siano chiariti questi altri aspetti che riguardano le dotazioni antisismiche

Il ristorante "Anna"

Presunti abusi edilizi e varie irregolarità al ristorante “Anna” di Portonovo e la Procura di Ancona apre un’inchiesta. Sul registro degli indagati sono state iscritte 7 persone: tre sono proprietari dell’attività commerciale, due sono alti gradi della Polizia Municipale e altri due sono funzionari comunali dell’ufficio Patrimonio. A muovere le accuse sono i pm Paolo Gubinelli e Andrea Laurino (in foto). Sono loro ad essere convinti di come i proprietari del locale abbiano violato normative antisismiche collegate agli abusi edilizi che, oramai, sarebbero anche cadute in prescrizione. Gli agenti della Municipale sono accusati di omessa denuncia perché, di fronte agli eventuali abusi, sarebbero dovuti essere loro i controllori. Poi ci sono i funzionari comunali accusati di abuso di ufficio perché, sempre secondo quanto emerso da una serie di controlli della Guardia di Finanza, avrebbero favorito i titolari del ristorante, non solo evitando di ritirare la Andrea Laurino-4concessione demaniale, ma addirittura prorogandola di recente fino al 2020. Ora tutta la struttura caratterizzata da un blu acceso, a due passi dal Grande Lago, è sotto la lente della Procura. Tutte accuse contenute nel decreto di perquisizione e sequestro eseguito il 6 maggio in Comune dalla Guardia di finanza su mandato della Procura: in quella sede era stata acquisita documentazione anche informatica ora al vaglio dei magistrati.

DIFESA. «C’è già stata una sentenza nel 2011 che ha assolto i miei assisti dall’accusa di abuso edilizio - ha detto il legale dei proprietari del ristorante l’avvocato Antonio Mastri - Per quanto riguarda l’aspetto sismico non era mai stata sollevata prima e su quello c’è una domanda di condono, dove c’è una documentazione sull’aspetto sismico. La domanda di condono è ancora sub judice al consiglio di Stato per cui è tutto da vedere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento