Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Incendio sul treno, il militare eroe: torna indietro per salvare un uomo

Mentre gli altri si allontavano dal convoglio investito dal fumo, Bailetti ha trovato l’uomo in difficoltà, lo ha preso sotto braccio e lo ha sostenuto di peso mentre si allontanavano

«C’era il fuoco nella parte dietro e io per fortuna stavo davanti, poco a poco siamo scesi dal treno e abbiamo incominciato a camminare anche non c’era per niente luce. Dopo poco ho sentito la voce di un signore, avrà avuto una 50ina di anni, che chiedeva aiuto a gran voce e così mi sono fermato e sono tornato indietro a prenderlo». Nel buio, tra il fumo più denso della galleria dove ieri ha preso fuoco il treno regionale Ancona -Fabriano, quando ormai si era allontanato dal pericolo, ha sentito un uomo chiedere disperatamente aiuto. E così ha deciso di tornare sui suoi passi Alessandro Bailetti, giovane ufficiale dell’Aeronautica Militare in servizio al centro formazione di Loreto, tornato in mezzo all’inferno di monossido e fiamme per aiutare un uomo in difficoltà. 

Mentre gli altri camminavano spediti lontano dal convoglio divorato dal fumo, Bailetti ha trovato l’uomo in difficoltà, a terra, affannato, lo ha preso sotto braccio e lo ha sostenuto di peso mentre si allontanavano. «Mentre ce ne andavamo è caduto due volte perché era molto affannato, non riusciva proprio a respirare, ma piano piano siamo riusciti ad andare via da lì. Io sul muro vedevo dei numeri che indicavano la distanza dalla fine della galleria e allora lo incitavo, gli dicevo di farsi forza e non mollare. Io vedevo che la distanza diminuiva ma non sapevo quanto mancasse. Quando mi sono accorto che c’erano i numeri c’era scritto 25 poi 24. Quando ho visto il 4 abbiamo visto la luce e ci siamo ripresi. Io una volta uscito stavo bene ma poi ho sentito che avevo bisogno di qualcosa per respirare meglio e l’ho detto ai soccorritori dell’ambulanza che ci aspettava fuori e mi sono appoggiato sul guardrail. Potevamo morire perché non si respirava e non si vedeva nulla e per fortuna per quell’uomo io ho sentito il suo grido d’aiuto e sono tornato indietro con la torcia del cellulare se no non lo so come finiva».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio sul treno, il militare eroe: torna indietro per salvare un uomo

AnconaToday è in caricamento