Cronaca

Incendi nelle chiese e lettere minatorie, don Aldo ritira la querela: «Perdono il responsabile»

Aveva ricevuto lettere di odio ma ieri in tribunale ha deciso di ritirare le denunce e di perdonare il 60enne autore degli scritti e anche di alcuni incendi in varie chiese

Lettere di scuse e santini: così il 60enne di Chiaravalle accusato di aver appiccato diversi incendi in varie chiese del circondario tra agosto e novembre del 2017 ha chiesto scusa a don Aldo Pieroni (parroco di Camerano) che, a sua volta, ieri in tribunale ha ritirato la querela nei confronti del piromane. Il prete ha perdonato definitivamente quell'uomo che lo aveva minacciato con biglietti lasciati in parrocchia e lettere minatorie spedite per posta. Già nelle udienze precedenti, davanti al giudice Lamberto Giusti, altri parroci che hanno subito attentati incendiari avevano ritirato le querele presentate perdonando quell'uomo. Il procedimento però va avanti d'ufficio. Il 60enne avrebbe agito perché, a suo avviso, la chiesa avrebbe aiutato "solo gli immigrati" e in quel periodo sia lui che la moglie non lavoravano. 

Era stato scoperto grazie ad una telefonata che lui stesso aveva fatto ai vigili del fuoco per segnalare l’incendio alla chiesa delle Palombare nel novembre del 2017. Le telecamere lo avevano ripreso mentre saliva a bordo di uno scooter, dopo la telefonata fatta da una cabina a Falconara e la polizia lo aveva identificato e denunciato a maggio 2018. Il dibattimento si è chiuso e la prossima udienza, dove è prevista la discussione e la sentenza, si terrà il 13 dicembre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi nelle chiese e lettere minatorie, don Aldo ritira la querela: «Perdono il responsabile»

AnconaToday è in caricamento