Cronaca

Via Mamiani, dà fuoco ad un cestino dei rifiuti: «Avevo freddo»

I carabinieri lo hanno fermato ieri sera con l'accusa di incendio doloso. Ma il giudice del processo per direttissima non convalidato l'arresto, rimandando tutti gli atti alla pubblica accusa

Via Mamiani

Accende un fuoco dentro un cestino dell’immondizia di via Mamiani perché aveva freddo e finisce a processo. I carabinieri lo hanno fermato ieri sera con l’accusa di incendio doloso. Ma il giudice Francesca Grassi non ha convalidato l’arresto, rimandando tutti gli atti al pm. Il motivo? Le avvocatesse Elena Martini e Cristina Bolognini (in foto) hanno fatto notare come l’uomo non potesse essere accusato di incendio doloso perché, di fatto, le fiamme non sono mai state fuori controllo. E’ successo  tutto ieri sera quando l’uomo, V. D. 55enne di Pesaro, ha perso il treno per tornare a casa. Secondo quanto raccontato da lui, avrebbe fatto Elena Martini e Cristina Bolognini-2un giro prima di prendere la corsa successiva, arrivando fino agli Archi. E’ lì che ha cominciato a patire il freddo sul serio e ha pensato bene di riscaldarsi a modo suo. Ha tirato fuori l’accendino e ha dato fuoco a dei volantini uniti a degli arbusti su una panchina pubblica. Poi ha avuto un'altra idea, cioè quella di buttare tutto dentro un cestino, di quelli attaccati ai pali di metallo. E' lì che ha fatto ardere una fiamma, visibile anche da lontano. Ma quando una residente ha notato la stranezza verso le 2 di notte, ha chiamato il 112. I militari sono arrivati mentre  il pesarese stava alimentando le fiamme con due rami, stappati da una pianta.

«Avevo freddo» ha subito detto alle forze dell’ordine che però lo hanno fermato. Colto in flagranza di reato e ripreso dalla videosorveglianza delle telecamaere, il 55enne è stato inizialmente accusato di incendio doloso. Ma dopo il processo per direttissisma, il "piromane" improvvisato dovrà rispondere presumibilmente del reato di danneggiamento a seguito di incendio. Un’accusa rimandata al processo ordinario dove la difesa proverà a dimostrare che l’accusa deve cadere per lo stato di necessità, cioè il freddo che stava mettendo a rischio l’incolumità della persona. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Mamiani, dà fuoco ad un cestino dei rifiuti: «Avevo freddo»

AnconaToday è in caricamento