Incendi in serie nella notte, c'è una telecamera: potrebbe aver filmato tutto

Indagano i Carabinieri, da subito al lavoro per recuperare e analizzare le riprese di alcune videocamere presenti tra il quartiere Piano e Posatora. le ipotesi? Sono tutte sul tavolo: dal piromane all'atto vandalico

L'auto e i cassoni a fuoco in via Ragusa

Scia di incendi nella notte tra il 2 e il 3 marzo. Dati alle fiamme due automobili e vari cassoni dell’immondizia da via Ragusa alla fiera della Pesca, fino via Tiziano. Indagano i Carabinieri di Ancona, da subito al lavoro per recuperare e analizzare le riprese di alcune videocamere presenti tra il quartiere Piano e Posatora. Le ipotesi? Sono tutte sul tavolo. Dal piromane all'atto vandalico. Ma gli investigatori hanno già una pista: la telecamera della sede della Croce Gialla di Ancona in via Ragusa, che guarda nella direzione del primo rogo. Dunque se qualcuno è passato di lì, la spycam lo potrebbe aver registrato. In totale si contano 6 interventi per i pompieri dorici, chiamati a soffocare le fiamme che hanno devastato molti cassoni (almeno 20) insieme ad una Fiat 600 e una Opel Corsa. Forse perché vicinissime ai bidoni, dove si presume abbiano avuto origine delle fiamme. Anche se la certezza non si avrà mai: i pompieri non hanno trovato traccia della combustione. 

La prima chiamata al 115 è stata quella dei residenti di via Ragusa, dove le fiamme stavano distruggendo una serie di bidoni dell’immondizia e la Fiat 600 parcheggiata lì accanto. «Non mi sono accorta di niente - ha detto Adriana Vitrini, una residente - È la prima volta qui perché non c'è stato mai stato nulla di simile e non so cosa pensare perché veramente della gentaglia in giro». «Mi sono svegliata alle 3 per il rumore poi ho visto un grande nuvola di fumo nero. Non ci era mai successa una cose del genere» ha detto Claudia Morini. E mentre i pompieri spegnevano il rogo, sono cominciate ad arrivare altre segnalazioni a raffica. Prima in via Sassoferrato, dove adnavano a fuoco dei bidoni della racconta deifferenziata. Poi via Fabriano: anche lì una macchina e dei bidoni. Ad accorgersi dell’incendio i residenti svegliati dal rumore e, in alcuni casi, dai guaiti dei propri cani. «Mi sono svegliata alle 3 in punto e mi ha preso un "colpo" - racconta Cristiana Cantarini - Ho visto l’auto in fiamme mentre c’erano già dei vicini che tentavano di spegnere le fiamme. Ci siamo spaventati». Poi via Ascoli Piceno all’altezza del civico 90, fiera della Pesca davanti al mercato ittico e via Tiziano. Sempre con la stessa modalità. Sempre incendi a bidoni piani di spazzatura. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In mattina si è attivato anche il Comune di Ancona che, tramite Anconambiente, verso le 11, aveva già sostituito tutti i cassoni distrutti, ripristinando il servizio. Tutto mentre l’assessore Stefano Foresi, alla guida della sua auto, ha fatto il giro dei quartieri per effettuare un sopralluogo mirato su tutti i punti degli incendi. «Stamattina mi ha scritto un cittadino che vive in via Ragusa e appena saputo la notizia sono venuto a vedere la situazione mentre abbiamo mobilitato Anconambiente - ha detto Foresi - Questo non è più vandalismo, è delinquenza. C’è qualcuno in giro che vuole solo creare disagio e tensioni. Aspettiamo le indagini dei Carabinieri che porteranno più chiarezza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento