menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tribunale: grave attacco di panico per un imputato, intervento dei sanitari

Il ragazzo è crollato a terra e ha cominciato a muoversi in mnaiera convulsa. Immediata la chiamata al 118 che ha portato i sanitari a soccorrere il malcapitato al primo piano del tribunale di corso Mazzini

Feroce attacco di panico in tribunale per un imputato di 29 anni di origini tunisine. E’ successo mercoledì verso le 13 quando il giovane è crollato a terra in stato di choc mettendo in allarme tutto il tribunale dorico. Al punto che il giudice Paolo Giombetti ha dovuto sospendere le udienze monocratiche che erano in programma in quel momento. Al primo piano del palazzaccio di corso Mazzini si stava celebrando un processo penale quando ad un certo punto, dalla stanza dei testimoni, si è sentito un colpo. Il ragazzo, che era stato arrestato dopo esser stato trovato in possesso di 5 grammi di hashish, è crollato a terra. Corpo irrigidito e mandibola serrata, ha cominciato a tremare in maniera convulsa. Tanto che i primi ad accorgersi del fatto hanno gridato all’attacco epilettico.

Attimi di panico perché nei paraggi non c’era nessun medico che potesse soccorrerlo in modo competente. A quel punti i carabinieri che lo avevano in consegna hanno tentato di placarlo mentre il pm Valentina Pupo ha preso in mano la situazione: guidata telefonicamente dall’operatore del 118, ha effettuato le prime manovre per evitare il peggio. Dopo pochi minuti sono subito intervenuti sul posto gli operatori di Croce Gialla e della Croce Rossa che hanno riscontrato i sintomi di un grave attacco di panico, evidentemente dovuto anche alla situazione di pressione psicologica a cui il giovane non ha retto.

Il nordafricano, difeso in sede penale dall’avvocato Daniela Camilletti, è stato così portato all’ospedale di Torrette per ulteriori analisi e per fortuna, nel corso della giornata, si è ripreso completamente. Viste le sue precarie condizioni di salute il giudice Giombetti ha ritenuto opportuno revocare la misura cautelare in carcere e la prima udienza del processo si terrà il prossimo 19 marzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento