Al via il portale telematico, Cna pronta ad assistere le imprese

«Il Comune ha annunciato che da gennaio 2019 – dice il segretario della Cna jesina Luca Baldini – il portale online, comunque già accessibile, diventa obbligatorio»

Il portale telematico diventa obbligatorio anche a Jesi, dopo Senigallia, Ancona, Fabriano e le imprese devono affrontare una vera e propria rivoluzione. “Il Comune ha annunciato che da gennaio 2019 – dice il segretario della Cna jesina Luca Baldini – il portale online, comunque già accessibile, diventa obbligatorio, come previsto dalla normativa, quale unico mezzo per presentare le pratiche indirizzate al Suap e al Sue. Le imprese devono quindi imparare ad utilizzarlo. Cna è consapevole che, quello che inizialmente può sembrare un ostacolo di difficile utilizzazione, è in realtà una via verso la semplificazione. Però bisogna essere, come dire, “addestrati”. E noi siamo qui per questo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cna è pronta ad assistere le imprese per aiutarle ad affrontare questo cambiamento. “D’altra parte – continua Baldini – il Comune di Jesi ha concesso loro più tempo per adeguarsi a questo nuovo strumento che ora deve diventare obbligatorio”. “Cna – conclude Baldini - offre il suo appoggio a qualsiasi iniziativa di semplificazione che possa ottimizzare tutti gli adempimenti che le imprese devono affrontare con le istituzioni e quindi accoglie con favore l’introduzione dell’obbligatorietà del portale unico per le attività produttive. Al contempo, si rende disponibile ad affiancare artigiani, imprenditori e professionisti che hanno bisogno di assistenza per l’invio di pratiche e per l’uso del portale. Ci auguriamo anche che non cambi l’ottima politica scelta in questi anni dal comune di Jesi di non gravare con ulteriori costi amministrativi l’invio delle richieste, come invece registriamo in altri comuni della provincia di Ancona”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento