Cade nel silo della sua azienda, imprenditore grave: doppio team di chirurghi gli salva la vita

Ad oggi la prognosi non è ancora stata sciolta, ma grazie al lavoro di squadra interdisciplinare dei reparti di Ortopedia e Urologia dell’ospedale regionale di Ancona, l’uomo è fuori pericolo

Foto di archivio

Cade nel silo della sua azienda e finisce tra gli ingranaggi della torre. Gravissimo un imprenditore della provincia di Pesaro-Urbino che, arrivato all’ospedale regionale di Torrette di Ancona, è stato sottoposto a 2 operazioni chirurgiche nella notte che gli hanno salvato la vita. 

Il drammatico incidente è avvenuto l’altro giorno intorno alle 16. L’uomo, imprenditore di 75 anni, fondatore e titolare di una ditta che si occupa di arredo bagno, stava cercando di far funzionare o comunque stava controllando un problema nel silo per la raccolta del materiale di scarto dell’azienda quando, ad un tratto, dopo aver sbloccato l’ingranaggio, è caduto. Un volo fatale, proprio perché è finito nel cuore di quell’infernale meccanismo non appena ripartito: il motorino d'aspirazione della torre fatto di ingranaggi. Bacino e gambe sono stati falciati. 

Sul posto è intervenuta l'ambulanza e l'elisoccorso da Torrette, che ha poi stabilizzato e trasportato d'urgenza l’anziano all’ospedale regionale. E lì che i medici specialisti gli hanno salvato la vita, con due operazioni chirurgiche durate tutta la notte. Il primo intervento a cui è stato sottoposto è stato quello dell’equipe ortopedica che, diretta dalla dottoressa Alessandra Maresca, gli ha ridotto le fratture a femore e tibia, poi, in un secondo momento, sono state trattate le diverse lesioni presenti sulle gambe e cosce. Ma è stata solo la prima fase in cui i chirurghi ortopedici hanno affrontato le fasi più urgenti perché, è certo, l’uomo dovrà sottoporti ad altre operazioni più avanti. Sempre nella notte poi è stato sottoposto anche ad una seconda operazione, questa volta da parte del team medico costituito dai chirurghi urologi Massimo Polito e Angelo Antezza, che hanno salvaguardato la funzionalità dell’organo genitale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad oggi la prognosi del 75enne non è ancora stata sciolta, ma grazie al lavoro di squadra interdisciplinare dei reparti di Ortopedia e Urologia dell’azienda sanitaria Ospedali Riuniti di Ancona, l’uomo è fuori pericolo di vita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento