Non risponde al telefono, il figlio chiama i soccorsi: imprenditore trovato morto

L'uomo era il titolare di una ditta di pulizie. Giovedì mattina non si è presentato al lavoro ed il figlio ha dato l'allarme. A causare il decesso forse un malore

Foto d'archivio

E' stato trovato riverso a terra, ormai privo di vita. Massimo Branchesi è morto questa mattina, nel suo appartamento di via Marconi a Jesi. Imprenditore conosciuto ed apprezzato, era il titolare della ditta di pulizie Teknopul. A dare l'allarme suo figlio Luca preoccupato per non aver visto il padre arrivare al lavoro come tutte le mattine. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I soccorsi sono arrivati nel suo appartamento poco dopo. L'uomo purtroppo era già deceduto e non c'è stato più niente da fare. A causare il decesso potrebbe essere stato un infarto. Sul posto 118, Croce Verde di Jesi e vigili del fuoco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento