Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Via Marconi

Ancona: agli Archi un residente su due è straniero

I dati sono emersi nel corso del summit di ieri del Comitato per l'ordine pubblico che si è svolto in questura. Il Questore De Felice ha dichiarato che non esiste un problema di criminalità, ma di degrado urbano

Il quartiere più multiculturale di Ancona è senza dubbio quello degli Archi: quasi un residente su due è immigrato. Al secondo posto Palombella e Piano San Lazzaro. Nel complesso la popolazione straniera è aumentata nell'ultimo decennio del 723%. I dati sono emersi nel corso del summit di ieri del Comitato per l’ordine pubblico che si è svolto in questura.

Un fenomeno cresciuto in maniera incontrollata, che ha creato rischi dal punto di vista del pericolo di infiltrazione della malavita: il Questore Arturo De Felice ha voluto essere molto chiaro, come riportato dal Messaggero, sostenendo che più di parlare di un problema sicurezza la questione da affrontare seriamente è quella del degrado urbano. Discorso - ha sottolineato - valido anche per il Piano e Piazza Pertini, i cui commercianti sono sul piede di guerra per continui episodi di furti, liti, e per l'abbandono della zona da parte del Comune.

Il questore ha assicurato la presenza costante della polizia sul territorio (l'ultimo blitz c'è stato ieri notte), chiedendo l'attiva collaborazione dei cittadini con segnalazioni immediate e dettagliate di situazioni sospette.
De Felice, riporta ancora il quotidiano, ha evidenziato il problema della droga, ribadendo come la polizia faccia il suo lavoro e portando a testimonianza i continui arresti degli ultimi giorni. Piano e Piazza Pertini, ha ribadito, sono due "sorvegliati speciali".

I DATI. Secondo uno studio elaborato dalla Questura dal 2001 al 2011 la presenza degli immigrati ad Ancona ha raggiunto le 12.316 unità, a fronte le 1.496 di partenza: un aumento del 723%.
Il capoluogo dorico ha quindi una presenza di stranieri sul territorio pari al 12%, 4 punti percentuali in più rispetto alla media nazionale dell'8%. Le punte più alte si registrano nel quartiere degli Archi con il 46%, segue la Palombella con il 39,7% e Piazza Ugo Bassi e corso Carlo Alberto con il 38,5%.

I residenti stranieri, inoltre, non sono integrati con la popolazione locale, tanto da far parlare De Felice sul Carlino di oggi di fenomeni di "ghettizzazione".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancona: agli Archi un residente su due è straniero

AnconaToday è in caricamento