rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Cronaca

Ha 82 anni e prende la quinta laurea: «Il segreto è studiare due ore al giorno, anche a Natale»

Roberto La Rocca, chirurgo in pensione, colleziona titoli di studio. È anconetano e in passato è stato anche presidente della Croce Rossa

ANCONA - «Il mio è solo amore per lo studio, mi piace, non devo dimostrare nulla a nessuno». Ha 82 anni e nella sua vita di medico-chirurgo Roberto La Rocca ha collezionato 5 lauree. L’ultima l’ha presa martedì scorso, a Roma, all'Università telematica Niccolò Cusano. Il titolo della tesi era “Il poliziesco d'autore e la crisi della società moderna. Da Sciascia a Camilleri: storia del giallo atipico". Capelli bianchi, un passato anche da presidente della Croce Rossa, La Rocca sprizza vitalità da tutti i pori e va fiero del tempo che ha dedicato sui libri. «Ho seguito il consiglio di un professore che ho avuto a Bologna - spiega - quando mi sono laureato in Medicina, erano gli anni ‘60. Mi diceva che il segreto era studiare due ore al giorno tutto i giorni, anche a Natale. È così ho fatto». Quando ancora esercitava la professione di chirurgo dedicava ai libri il fine settimana, quando non era in ospedale, le feste comandate. La sete di conoscere le cose lo hanno portato ad incasellare i cinque titoli di studio che ora conserva in quadretti di vetro appesi nel suo studio di casa, in centro ad Ancona. Un volto il suo visto che ha lavorato in diversi ospedali, l'Umberto Primo, l'Inrca, Villa Igea. Oltre l’ultima laurea le altre sono Medicina, Storia, Giurisprudenza, Scienze Politiche e storia.

L'intervista a Roberto La Rocca | VIDEO

«Vorrei lasciare questo stimolo ai giovani di oggi - continua La Rocca - quello di studiare due ore al giorno, sempre. Poi non è indispensabile un pezzo di carta per lavorare basta fare qualcosa che piace se no gli sforzi sono vani. Oggi mancano le professioni, non si trovano più falegnami, idraulici. Anche quelli sono lavori che vanno preservati». La Rocca da ragazzo ha fatto il liceo classico Rinaldini ma ammette che a scuola non era tra i primi della classe. «Ero mediocre - dice - poi sono esplosi all’università perché facevo qualcosa che mi piaceva. Oggi consiglio ai ragazzi di studiare le lingue, inglese e cinese in primis». Nella quinta laurea presa martedì ha avuto la votazione di 106. «In una materia ho preso anche 19 - osserva - ma non si butta via niente. Era linguistica generale 1 ma poi in linguistica generale 2 ho preso 26». Adesso i libri La Rocca li ha messi via. Una sesta laurea non è in programma «ma mai dire mai» dice. Dei tempi in Croce Rossa ha fatto assistenza anche a papa Wojtyla quando venne a Loreto. Era proprio dietro al palco del pontefice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha 82 anni e prende la quinta laurea: «Il segreto è studiare due ore al giorno, anche a Natale»

AnconaToday è in caricamento