Quando la maestra è una star del web, incontro con Greta Mancini

«Lavoro negli asili nido dal 2012 e da allora mi sono completamente innamorata. Giocare con i bambini è una gioia, così come sostenerli nei momenti più impegnativi della crescita»

Greta Mancini

Su Youtube ammalia milioni di bambini e bambine. Il canale che ha aperto nel 2012 conta diversi milioni di piccoli fan. Ma Greta Mancini, capelli lunghi e sorriso smagliante, non è un’entità virtuale. E’ un’educatrice in carne ed ossa che da circa una settimana lavora in un asilo nido anconetano.

«Ecco, mi sembrava una faccia conosciuta!» ha esclamato un genitore durante l’ultima riunione. Grazie anche alla collaborazione con il canale “Coccole Sonore” le sue canzoncine e i suoi balletti arrivano in diverse parti d’Italia e non solo. 34anni, senigalliese, Greta l’amore per i bambini lo ha coltivato da sempre. «Lavoro negli asili nido dal 2012 e da allora mi sono completamente innamorata. Giocare con i bambini è una gioia, così come sostenerli nei momenti più impegnativi della loro crescita, ad esempio al momento di togliere il pannolino o lo svezzamento». L’idea di aprire il canale Youtube “Le canzoncine di Greta” «stata in risposta ad alcuni genitori che chiedevano dove poter trovare materiale che i bambini canticchiavano in casa. Su internet non è facile, anche perché molte sono tramandate oralmente da maestra a maestra o da educatrice a educatrice. Così ho deciso di aprire questo database e adesso si è creato un mondo meraviglioso. Mi scrivono molti genitori, mi raccontano dei loro bimbi e di come si divertono a cantare le canzoncine. Allo stesso tempo, mi scrivono tante educatrici con cui ci confrontiamo e parliamo di tutto il nostro mondo».

Poi la telefonata di Carlo Rossetti, l’ideatore di “Coccole Sonore” uno dei maggiori canali Youtube a livello nazionale per quanto riguarda l’infanzia. Greta canta in mezzo a veri e propri cartoni animati. La si può vedere interagire con una stella in, neppure a dirlo, “Stella Stellina” (oltre 3milioni e 600mila visualizzazioni) o cercare i misteriosi Liocorni su un’Isola (1 milione e 75mila visite). Ma quando i bambini se la trovano davanti in carne ed ossa? «Alcuni mi riconoscono subito, altri mi corrono incontro ed è una gioia. Un bimbo dolcissimo mi disse “ciao Greta, ti ricordi di me? Ci vediamo ogni sera!”. E’ bello sentirsi dire che sono una di famiglia». Molti ragazzi cercano lo stesso successo sul web della giovane senigalliese, mettendo a rischio la propria vita per una manciata di click. Tra le ultime mode c’è quella di attraversare la strada di notte bendati affidando la propria vita al solo destino. «Internet e Youtube danno una grande possibilità, ma manca l’educazione all’uso del web. Si dovrebbe parlare con i ragazzi dell’uso di internet e di Youtube nelle scuole, ma anche delle conseguenze che ogni uso può portare». Messaggio ai genitori: «Parlare con i ragazzi, capire perché hanno quelle esigenze. Il dialogo è fondamentale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento