rotate-mobile
Cronaca

Green pass anche in tabaccheria dal 1° febbraio, ma c’è chi ha già cominciato

Marco Cambria spiega la scelta e le perplessità dell'utilizzo del certificato in tabaccheria, specialmente difronte al tema del gioco

Green pass base obbligatorio al 1 febbraio in gran parte delle attività commerciali, ma c’è chi ha già cominciato a controllarlo pur senza essere obbligato. Marco Cambria, della tabaccheria di via XXIX settembre spiega la scelta ma anche le perplessità su un utilizzo che, nel caso delle tabaccherie, offre il fianco a diverse problematiche. «La normativa, allo stato attuale, dice che dobbiamo chiederlo a rappresentanti e corrieri che entrano nel locale e questo già lo facciamo- spiega il tabaccaio- il nostro è un servizio pubblico e di Stato. Se fuori grandina e una persona mi chiede di poter sostare un minuto all’interno, umanamente io capisco che è giusto permetterlo, ma chiedo comunque l’esibizione di un green pass per preservare la salute dei clienti che faranno accesso successivamente» (VIDEO). 

Per le tabaccherie, spiega Cambria, l’obbligo di esibizione del green pass si incrocia con l’attività del gioco. «Va fatta una scissione, la tabaccheria è un servizio di Stato, vende le marche da bollo, ma un conto sono i servii di stato. Tu entri e chiedi una marca da bollo o un pacchetto di sigarette, poi esci subito e in questo caso del Green Pass se ne potrebbe anche fare a meno. Poi però c’è lo scenario del gioco- continua Cambria- c’è chi gioca al “gratta e vinci”, la normativa impone già oggi che non si giochi all’interno del locale ma c’è chi la rispetta in senso lato e lì si possono creare assembramenti involontari. Altro capitolo è poi quello sulle estrazioni. Ci sono giochi come il “10 e lotto” dove la gente resta davanti a uno schermo aspettando l’estrazione e lì si rischia effettivamente un raggruppamento anche di dieci persone che non giova a nessuno. Soluzione? Se dovessi proporla io andrei indietro con le normative- conclude il tabaccaio- riproporrei ad esempio quella che chiedeva alle tabaccherie di spegnere gli schermi delle estrazioni o comunque farei una distinzione tra tabaccherie dotate di questi giochi o meno, in modo da poter continuare a dare un servizio in tutta sicurezza». 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass anche in tabaccheria dal 1° febbraio, ma c’è chi ha già cominciato

AnconaToday è in caricamento