rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Quartiere Adriatico

Entra solo chi ha il Green pass: nuove misure alle poste, in banca e nei negozi

In tabaccheria, ma anche nei negozi e alle poste è obbligatorio il Green pass base. Come hanno preso gli anconetani le nuove misure entrate in vigore: abbiamo fatto una passeggiata in centro per scoprirlo

Green pass cartaceo o digitale alla mano: alle poste, ma anche nei negozi, in banca e negli uffici pubblici si entra solo con il certificato verde base. L'obbligo è scattato ieri, 1 febbraio. Anche se molti erano informati e consapevoli delle novità, non sono mancati casi di clienti respinti. Alle poste, ieri mattina, diversi anziani si sono presentati per ritirare la pensione. Sul totem che distribuisce numeri avviene la lettura del Green pass. Dove lo strumento non c’è, come in alcuni uffici più piccoli, o se la lettura non dovesse andare a buon fine, si può controllare il certificato verde direttamente allo sportello. Il sistema, però, va rodato. «Ma capita anche - spiega un'addetta allo sportello - che si richieda due volte il Green pass, sia all’ingresso che poi, di nuovo, al computer». Intanto una signora prova a passare il qr code cartaceo, ma sullo schermo appare una x. «Green pass illeggibile». Così viene invitata a ristamparlo e a riprovare.

Green pass base alle poste e nei negozi: i controlli

Maria Nicolina Tarabello ha 80 anni e stringe tra le mani il suo Green pass protetto da una pellicola plastificata. Intanto attende il proprio turno per pagare una bolletta. «Sono preparatissima e lo porto sempre con me. Sono felice che ci siano queste regole in vigore, così siamo più protetti. Vorrei che tutti si vaccinassero così anche noi anziani potremmo tornare ad avere una vita normale». Controlli a campione anche nei negozi di abbigliamento e nelle librerie. Spiega Milva Tolentinati della libreria Feltrinelli in corso Garibaldi: «I clienti entrati avevano il Green pass ed è andata bene. Non ci sono state polemiche per fortuna. Una persona non sapeva di questa nuova regola ma aveva comunque la certificazione. Noi lo chiediamo quando entrano i clienti e poi a campione solo ad alcuni». Controlli random anche da parte dei titolari di Meldolesi, negozio di articoli sportivi in via Castelfidardo e nel negozio di intimo Tezenis. Tutti concordano sul fatto che «bisognerà aspettare qualche giorno per vedere come va». Certo «non si possono aggredire i clienti all'ingresso - conclude Barbara Bompadre dell'omonimo negozio di abbigliamento in corso Amendola - serve tatto e gentilezza. Soprattutto in un negozio piccolo con clienti selezionati. Ho comprato il tablet appositamente per eseguire le procedure ma ho avuto dei problemi con le letture. Alla fine ho fatto il controllo con lo smartphone». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entra solo chi ha il Green pass: nuove misure alle poste, in banca e nei negozi

AnconaToday è in caricamento