'Ndrangheta. Servizi a ribasso, banche e cocaina: «Le Marche non sono più vergini da decenni»

Ad Ancona Nicola Gratteri e Antonio Nicaso hanno presentato il loro ultimo libro su come la 'ndrangheta investa soldi nella cocaina e nell'economia legale: “Fiumi d’oro”

Da sinistra Nicola Gratteri, Laura Versace e Antonio Nicaso

«Le Marche la verginità l’hanno persa da decenni. E’ una questione di percezione, di avere una certa etica e una certa morale perché, nelle Marche, non vengono per sparare o seminare terrore. Sono qui ad offrirvi cocaina, comprare locali, vendere servizi a basso costo: soprattutto nell’edilizia, nel trasporto di merci e forza lavoro con ribassi del 40%». E’ questa l'impietosa analisi del Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri, uno dei magistrati più esposti d’Italia nella lotta all’ndrangheta e arrivato sabato mattina ad Ancona insieme ad Antonio Nicaso, storico delle organizzazioni criminali e tra i massimi conoscitori di mafie nel mondo. In occasione di un incontro organizzato dal Lions Club di Colle Guasco, i due super esperti di ‘ndrangheta hanno presentato il loro ultimo libro: “Fiumi d’oro”. Intervistati dall’avvocato Laura Versace che in passato ha anche studiato i fenomeni mafiosi insieme allo stesso Gratteri, hanno raccontato come la criminalità organizzata di origini calabresi sia oggi tra le 5 aziende più ricche d’Italia e tra le holding più grandi e potenti del mondo, con tentacoli negli Stati Uniti, Canada, Sud America, ma anche Austria, Svizzera e Germania. E di come oggi il problema dell’ndrangheta non sia più quello di farli (i soldi) ma giustificarli e gestirli. «Sono arrivati anche qui nelle Marche perché questa è una terra appetibile per le sue infrastrutture: aeroporti, porti, autostrade, dove si può investire, comprare, vendere droga e riciclare denaro» ha ribadito Gratteri. E poi il monito di Nicaso:

«Le forze di polizia non abbassino la guardia. Ma c’è anche bisogno della collaborazione della gente, che impari a vedere certi segnali facili da cogliere come quando si presenta qualcuno pronto ad investire senza un prestito bancario. Serve scuotere la classe politica per avere più consapevolezza e dare una vera spallata alle mafie, che sono una zavorra per la competizione e la libera crescita del paese. » (Gratteri). 

Video: 'Ndrangheta sempre più presente nelle Marche

Marche, una regione dove investire

Il denaro c’è, come testimonia un rapporto dei Carabinieri che, tramite intercettazioni, ascoltano l’affiliato di un clan calabrese lamentarsi del fatto che non erano bastate due macchinette contasoldi e un’intera notte per fare il calcolo del denaro. I soldi ci sono e ci si comprano ristoranti, pizzerie discoteche, alberghi. I soldi ci sono e vengono nascosti in migliaia di taniche piene di contanti sotto terra per chilometri quadrati. Ma soprattutto vengono fatti viaggiare. I miliardi passano attraverso le piccole banche e poi si muovono ad alta velocità sotto forma di byte per investimenti e speculazioni finanziarie. I soldi ci sono. Il problema è gestirli e giustificarli. Ed ecco il legame sempre più forte con la politica, ma soprattutto con i professionisti. Commercialisti, brocker, consulenti d’azienda, bancari. «C’è grande domanda di mafia perché non si può fare a meno di soldi e favori - ha spiegato Nicaso - Non solo politica ma anche professionisti perché la ‘ndrangheta non ha la capacità di gestire e riciclare il denaro. Senza i favori dei politici e la guida dei professionisti si ridurrebbe ad un’associazione ridicola e facilmente eliminabile. E’ questa area grigia invece a far ingrossare e allungare i tentacoli della piovra ed è stata questa capacità di coniugare tradizione e innovazione ad aver fatto grande l’ndrangheta». E anche nelle Marche il canale più utilizzato dai boss è quello bancario, magari affidandosi a società di comodo con gente all’apparenza insospettabile. “Succede spesso - si legge ne libro - che i prestanome chiedono uno scoperto di conto, una linea di credito. E restituiscono i soldi con i proventi delle attività illecite. Il riciclaggio avviene con il rimborso del prestito, una fase in cui le banche hanno come obiettivo il recupero dei soldi prestati con i relativi interessi. In caso di accertamento patrimoniale, potranno sempre dire di essere indebitati e, in qualche, occasione, faranno anche finta di non avere i soldi per pagare la rata mensile. Ma alla fine pagano”.  Così anche nelle Marche. Ai magistrati, Stefano Serpa, un collaborare di giustizia, racconta che proprio nelle Marche è riuscito a farsi concedere l’estensione di uno scoperto da 5 a 80 milioni di vecchie lire senza ulteriori garanzie con una semplice telefonata al presidente di una banca popolare. 

Marche, intervista a Gratteri: «Qui le mafie riciclano e vendono cocaina»

Un radicamento iniziato decenni fa

«La ‘ndrangheta è presente nelle Marche ora da tantissimi anni, anzi col tempo si è potenziata e radicata, ad esempio grazie ai casi di terremoto che è stata un’opportunità. Almeno dagli anni ’90 se non prima attraverso, ‘ndrangheta è entrata attraverso forme di investimento perché, dopo aver fatto tanti soldi, ha avuto bisogno di zone lontane dal luogo di origine dove investire il denaro e ha scelto di farlo nelle regioni più ricche. Le marche erano uno degli obiettivi dove investire attraverso prestanome. Ci sono collaboratori di giustizia che raccontano di attività commerciali, di esperienze, di fidi ottenuti da banche commerciali. Quindi una presenza tutto sommato non necessariamente legata al dopo terremoto, ma di certo radicata». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Dpcm 3 dicembre (Natale) e Dl spostamenti, cosa cambia nelle Marche: le modifiche

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento