menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piatti che siano sani ma anche gustosi, ecco "Il Goloso Mangiar Sano"

Abbiamo intervistato Elisabetta e Federica Pennacchioni: le due ragazze hanno ideato un portale web in cui presentano le loro ricette e le loro prelibatezze. Non è un semplice canale di cucina, ed ecco il perchè

“Mangiar sano è uno stile di vita, una cosa da fare sempre, non una dieta da seguire con l'unico scopo di perdere peso”. E' questo il punto di partenza da cui ha preso il via il progetto de “Il Goloso Mangiar Sano”. L'idea del nuovo portale on line dell'alimentazione salutare ideato da Elisabetta e Federica Pennacchioni non è la banale idea di una cucina dietetica, ma una cultura del mangiare sano dove la prima regola è non rinunciare al gusto e alla libidine del palato. Non solo, perchè loro ci fanno ragionare anche sul fatto che oggi, nell'era del computer, e della vita sedentaria si deve cambiare modo di mangiare. Come? Sano e appetitoso insieme. Possibile? Noi abbiamo intervistato Elisabetta e Federica.

Avete aperto un canale web dove proponete un mangiare che sia contemporaneamente sano e goloso? Possibile?

Si è possibile, può sembrare difficile, ma in realtà non lo è. Certo fare un buon piatto usando burro, strutto, ogni sorta di grasso e additivo, è più facile, ma questo non significa che un mangiare sano sia per forza insipido, senza sapore o addirittura cattivo. I piatti che proponiamo vogliono essere prima di tutto buoni ed appetitosi, oserei goduriosi.

Quali sono alcuni piatti che vanno fuori dagli schemi classici della cucina di tutti i giorni e che proponete ai vostri sostenitori?

Sicuramente tutte le preparazioni fatte con il seitan, i dolci senza burro o uova, la quinoa o cereali “dimenticati” come farro, miglio, amaranto o quelle che usano latti vegetali al posto del latte vaccino. Sono alimenti che non fanno parte della nostra cultura e magari alcuni fanno fatica ad accettarli. Nostro padre, ad esempio, si rifiutava di mangiare il ragù di seitan perché a suo dire era cattivo, però quando per sbaglio l'ha mangiato pensando che fosse un ragù di carne, ha chiesto informazioni su come era fatto e perché quel giorno fosse particolarmente buono. 

I vostri piatti sono gustosi, saporiti e goduriosi dite voi: che differenza c'è fra una vostra ricetta e un bel piatto di tortellini alla boscaiola?

Non è nostra intenzione demonizzare i tortellini alla boscaiola o far passare l'idea che chi voglia approcciarsi ad una alimentazione sana debba per forza bandirli dalla dieta. Quello che constatiamo però è che il tortellino alla boscaiola della domenica viene seguito dalle penne al fumè il lunedì, dalla carbonara il martedì, dalle tagliatelle al ragù il mercoledì e così via, accompagnati da affettati, formaggi, carne, dolci e  giusto un ciuffetto di insalata, per poi poter dire "ma io mangio le verdure" Questi stili alimentari non sono sani. Quello che abbiamo notato, inoltre, è che le persone hanno difficoltà nel preparare piatti sani che siano anche buoni. Le ricette che facciamo vogliono essere un valido aiuto per creare piatti che siano prima di tutto gustosi, perché mangiar sano è uno stile di vita, una cosa da fare sempre, non una dieta da seguire con l'unico scopo di perdere peso. Ogni piatto, ogni boccone, deve essere un tripudio di sapori e di aromi. Il cibo è uno dei più grandi piaceri della vita, nessuno dovrebbe privarsene né scegliendo una vita di insalatine scondite né rinunciando alla salute. Noi vi assicuriamo che un piatto di pasta con le verdure di stagione a casa nostra non ha nulla da invidiare ai tortellini alla boscaiola.

Voi sostenete che, a differenza di altri paesi, in Italia mangiare non è solo nutrirsi ma è un culto legato ad affetti e tradizione. Volete essere di rottura o in continuità con la tradizione?

Noi vogliamo essere assolutamente in continuità con la tradizione, ma con criterio. L'alimentazione e gli stili di vita prima del boom economico erano molto differenti da oggi e un passo indietro di 60 anni non è né auspicabile né fattibile, quindi crediamo che si debbano riprendere alcune cose adattandole alla vita di oggi. Facciamo un esempio, il pane in passato non era raffinato come lo è oggi, e quello che una volta veniva visto come una cosa negativa, di minor pregio, invece rappresentava un ottimo modo per incrementare il consumo di fibre e proteine. Quindi viva il pane integrale e tutti i cibi poco raffinati. Invece altri piatti, sempre della tradizione, sono delle vere e proprie bombe di grassi e calorie che andavano bene una volta, perché consumati solo durante le feste e accompagnati da un lavoro fisico duro. Questi piatti così ricchi si adattano poco all'era dei fast food e del computer, è per questo che ci piace rivisitarli in modo da renderli sani, senza per questo rovinarne il gusto né tanto meno la tradizione. Per noi il cibo è strettamente legato agli affetti e alle tradizioni della nostra famiglia, perché abbiamo imparato a cucinare stando a stretto contatto con nostra madre e con nostra nonna. Da sempre il cibo sia nella preparazione che nella consumazione, ha rappresentato per noi un momento di condivisione. A questo proposito abbiamo creato una categoria nel nostro sito interamente dedicata ai bambini che si snoda in 3 sotto categorie (Cuciniamo insieme, Dolci golosi e sani, Impariamo a mangiare le verdure ) perché crediamo che sia fondamentale per il bambino imparare a conoscere il cibo a 360°, solo così da grande saprà distingue un hot dog da un piatto sano e di conseguenza saprà scegliere ciò che è meglio.

 Cosa c'è nel futuro del progetto del goloso mangiar sano?

Noi vogliamo continuare ad arricchire il nostro canale YouTube e il nostro sito con nuove ricette fino a farli diventare punti di riferimento, vogliamo creare un portale della sana alimentazione. Certo non è facile, perché l'impegno e il tempo necessari sono notevoli, ogni ricetta viene provata e riprovata fino ad ottenere il giusto equilibrio fra genuinità e gusto. Ci piacerebbe pubblicare più ricette, ma non sempre è possibile, comunque il sito ha solo due mesi e la prossima sarà la 50° ricetta quindi contiamo in breve tempo di raggiungere il nostro obiettivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento