Settimana Mondiale del Glaucoma, visite gratuite anche ad Ancona

La Sezione U.I.C.I. di Ancona, sarà presente nel capoluogo con un gazebo informativo il giorno Giovedì 16 Marzo presso Piazza Roma dalle ore 8.30 alle ore 13.30

È tutto gratis per la settimana mondiale del glaucoma, che si celebra dal 12 al 18 marzo 2017. Nel nostro paese queste iniziative si svolgono in circa 90 città grazie all’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità - IAPB Italia ONLUS, in stretta collaborazione con le sezioni territoriali dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (U.I.C.I.) ONLUS. La Sezione U.I.C.I. di Ancona, sarà presente nel capoluogo con un gazebo informativo il giorno Giovedì 16 Marzo presso Piazza Roma dalle ore 8.30 alle ore 13.30 circa (per informazioni contattare l’U.I.C.I. di Ancona - tel. 071 52240).

Il glaucoma è una malattia degli occhi molto frequente. Si calcola che nel mondo ne siano affette circa 55 milioni di persone. È una delle cause più frequenti di cecità e ipovisione. A causa del glaucoma 25 milioni di persone nel mondo hanno perso la vista del tutto o in parte. In Italia i glaucomatosi sono circa un milione e molte persone non sanno di esserne affette. Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico. Nella maggior parte dei casi è dovuta a un aumento della pressione interna dell’occhio che causa, nel tempo, danni permanenti alla vista che sono accompagnati da riduzione del campo visivo (cioè di quella porzione di spazio che un occhio percepisce di fronte a sé) e alterazioni della papilla ottica (ben valutabile tramite l’esame del fondo oculare).

L’oculista diagnostica un glaucoma quando rileva un aumento della pressione oculare (generalmente compresa tra i 10 e 20 millimetri di mercurio (mmHg), una riduzione del campo visivo e alterazioni della papilla ottica. Esistono numerose forme di glaucoma, ma le più frequenti e importanti sono tre: il glaucoma cronico semplice (ad angolo aperto) – la forma più comune, di solito dopo i 40-50 anni; il glaucoma acuto (ad angolo chiuso); il glaucoma congenito  (alla nascita o nei primi anni di vita). È necessario, pertanto, sottoporsi con regolarità a controlli oculistici, specialmente in presenza di fattori di rischio quali familiarità ed età >40 anni. Infatti una visita oculistica è sufficiente a diagnosticare un glaucoma in fase iniziale o ancora non grave. Il glaucoma è una malattia che rientra tra quelle che traggono massimo vantaggio dalla prevenzione secondaria e quindi da una diagnosi precoce: questo significa che è necessario individuare la malattia quando ancora non dà sintomi particolari, ossia quando non si sa di esserne affetti. Se la malattia non è diagnosticata e curata in modo tempestivo il campo visivo si restringe progressivamente sino ad arrivare alla caratteristica visione a cannocchiale (o “tubulare”).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento