Cronaca

Trovato morto in casa, addio al cuoco-ultrà Gianluca: choc tra i tifosi dell'Anconitana

Riccioni aveva 41 anni, era un grande supporter biancorosso. Sul decesso indagano i carabinieri: dall'autopsia la verità sul malore che l'ha colpito all'improvviso

Gianluca Riccioni era un ultrà dell'Anconitana

Choc tra i tifosi dell’Anconitana: è morto Gianluca Riccioni, ultrà biancorosso e volto molto conosciuto nell’ambiente della curva Nord. Aveva 41 anni.

E’ stato trovato ieri pomeriggio senza vita a Civitanova, in via D’Annunzio, a casa di un amico, stroncato da un malore su cui stanno indagando i carabinieri. A dare l’allarme è stato proprio il suo amico che era uscito di casa al mattino, quando Gianluca stava ancora dormendo, e al rientro, qualche ora dopo, l’ha trovato senza vita in camera da letto. Il personale del 118, intervenuto subito, non ha potuto far altro che constatare il decesso.

L’autorità giudiziaria ha disposto l’autopsia che verrà svolta oggi pomeriggio. Gianluca, celibe, originario di Camerino ma anconetano d'adozione, era innamorato dei colori biancorossi: frequentava da sempre la curva Nord, compatibilmente con il suo lavoro di cuoco. Era socio, insieme al cugino Marco Ferrante, dell'Orange e la scorsa estate aveva lavorato all'Orange Beach di Falconara. Il suo profilo Facebook è invaso di messaggi di condoglianze, a dimostrazione di quanto fosse conosciuto e ben voluto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovato morto in casa, addio al cuoco-ultrà Gianluca: choc tra i tifosi dell'Anconitana

AnconaToday è in caricamento