rotate-mobile
Cronaca

Morte Giampaoli, il ricordo commosso: «Ha incarnato spirito e anima di una città»

Il cordoglio da parte delle istituzioni per la scomparsa dell'imprenditore Giampaoli, scomparso nella notte ad 80 anni

Il sindaco Valeria Mancinelli ha espresso questa mattina il cordoglio per la scomparsa di Giampaolo Giampaoli, storico imprenditore, ex calciatore dell’Anconitana negli anni 50-60, che ha rivestito ruoli e incarichi di rilievo nel mondo economico e nelle realtà più importanti e strategiche del territorio. «Ci stringiamo con sincero affetto alla famiglia - ha detto la prima cittadina anche a nome dell’Amministrazione comunale, che nel 2006 aveva assegnato a Giampaoli il Ciriachino d’oro per i suoi meriti professionali, umani e sportivi. Ci lascia un personaggio storico, che ha incarnato come pochi lo spirito e l'anima della città. Abbiamo apprezzato tutti, sempre, la sua concretezza, il suo badare al sodo, ma anche la passione e l’empatia. E’ stato al tempo stesso un grande imprenditore e un’anima popolare. Per noi anconetani è stato e resterà Palì. E sentiremo il suo vuoto».

«Un imprenditore illuminato e visionario, un pioniere del nostro territorio e un punto di riferimento non solo per il sistema industriale ma anche per la città di Ancona». Così Pierluigi Bocchini, presidente Confindustria Ancona ricorda Giampaolo Giampaoli appena scomparso. «Un altro grande imprenditore che ci lascia, un giorno molto triste ma rischiarato dai bei ricordi che tutti noi colleghi ci portiamo con noi: la sua forza, la sua ecletticità, il suo impegno su tantissimi fronti, dall’industria allo sport, dagli incarichi negli istituti bancari alla presidenza della Camera di Commercio. E su tutto la sua grande vitalità. A volte ruvido ma sempre schietto e propositivo, ha contribuito in modo significativo alla crescita dell’associazione che mi piace pensare considerasse anche un po’ casa sua». Giampaoli è stato presidente di Confindustria Ancona dal 1989 al1993, dopo aver ricoperto in precedenza anche il ruolo di Presidente dei Giovani Imprenditori. Sotto la sua presidenza nacque il Club della Qualità, che allora rappresentava una vera innovazione: erano gli anni in cui si iniziava a parlare di certificazione e fu proprio Giampaoli che intuì le potenzialità di un approccio basato sulla qualità, contribuendo a farla diventare parte integrante della cultura delle imprese del territorio. Oggi pomeriggio bandiere a mezz’asta nella sede di Confindustria Ancona in segno di lutto

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Giampaoli, il ricordo commosso: «Ha incarnato spirito e anima di una città»

AnconaToday è in caricamento