rotate-mobile
Cronaca

Contro la violenza negli stadi, nasce il Genoa Club Grifoni del Conero. L’idea da due supporters: uno di Ancona e l’altro di Genova

E’ il primo club ufficiale delle Marche a sostegno dei rossoblu di Genova. Ma oltre a tifare la squadra, il club persegue attività culturali, di solidarietà e di formazione della morale

ANCONA - Tra dorici e genoani c’è più di un gemellaggio. Quasi un patto di sangue. Le due tifoserie, infatti, sono unite da un’amicizia fraterna lunga decenni. E non è un caso, allora, che un genovese (ovviamente genoano) e un anconetano doc abbiano dato vita al primo Genoa Club ufficiale delle Marche. E vista la provenienza dei due fondatori, la specifica Grifoni del Conero è tutto dire. Perchè a dare vita al club sono Fabrizio Caprara, 51 anni genovese purosangue trasferitosi a Sirolo nel 2009, e l’anconetano Daniele Gardini di 45 anni.

La storia

Per Caprara la passione calcistica arriva quand’era ancora bambino grazie al papà che lo portò allo stadio per le prime volte. Una fede coltivata anche da adolescente in Gradinata Nord, ammaliato dalla mitica Fossa dei Grifoni. Abbonato finchè ha vissuto a Genova, ha seguito in casa le partite con un gruppo di amici "Terzo palo da sinistra" rigorosamente posizionati nel parterre lato distinti. Ha partecipato a diverse trasferte compresa quella storica di Modena. Insomma un genoano che continua a considerare il Genoa una religione laica. Poi c’è Daniele: nato e vissuto sempre ad Ancona, è cresciuto seguendo e praticando solo il basket grazie al padre presidente del G.S. Dorico. Conosce il calcio grazie allo zio in occasione di una storica partita Ancona – Livorno del 1987 finita 3 a 0 per i dorici. La stagione successiva, con l’Ancona promossa in serie B, torna allo stadio per vedere Ancona – Genoa terminata con la vittoria dei liguri per 2 a 0. Correva l’anno 1988, e in quell’occasione Daniele rimase estasiato dai colori e dalla passione dei tifosi rossoblu. Da quel momento non smise mai di seguire il Vecchio Balordo. Daniele sostiene che tifare Genoa gli abbia insegnato a soffrire e resistere alle avversità formandolo come una vera e propria scuola di vita.

Le finalità del club

Ma il Genoa Club Grifoni del Conero non nasce solamente con l’intento di supportare la squadra. Piuttosto si prefigge di perseguire finalità sociali, come combattere e reprimere, con ogni mezzo ed in ogni modo, ogni forma di violenza sia negli stadi che fuori da essi e collegata comunque e in ogni maniera allo sport del calcio. Organizzare manifestazioni a sostegno dell’attività calcistica del Genoa Cricket & Football Club S.p.a e favorire l’inserimento in tali attività degli associati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro la violenza negli stadi, nasce il Genoa Club Grifoni del Conero. L’idea da due supporters: uno di Ancona e l’altro di Genova

AnconaToday è in caricamento