Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Ostra, gare d'appalto pilotate alla casa di riposo: ci sono due indagati

Questa è la prima indagine portata a termine della neonata "Unità Anticorruzione" costituita presso ogni Squadra Mobile d'Italia e composta da personale vanta specifiche competenze di settore

Avrebbero truccato le gare d’appalto per la concessione di opere di ristrutturazione all’interno di una casa di riposo e residenza protetta per anziani di Ostra. A favorire gli amici sarebbero stati alcuni membri del consiglio di amministrazione della relativa fondazione che, secondo quanto ricostruito dagli agenti della Squadra Mobile di Ancona, guidata dal capo Virgilio Russo, consentivano a loro di poter presentare più progetti a seconda di quelli presentati dai concorrenti, in modo tale da poterne ideare uno più competitivo in base alle altre proposte. Una procedura irregolare e volta a raggirare le proposte delle altre ditte che, regolarmente, si erano fatte avanti. L'accusa è dunque abuso d'ufficio

Per questo sono stati indagati due consiglieri del Cda, accusati di aver favorito la “ditta amica” per dei lavori di adeguamento dell’impianto antincendio di 6mila euro, ma anche di aver affidato a due ditte lavori di ristrutturazione dei bagni per un totale di 100mila euro. Accuse ancora più pesanti se si pensa che la casa di riposo in questione abbia un Cda composto viene eletto dall’Amministrazione comunale di Ostra ed è in carica dalle ultime elezioni amministrative del 2014. Questa è la prima indagine portata a termine della neonata "Unità Anticorruzione" costituita presso ogni Squadra Mobile d'Italia e composta da personale vanta specifiche competenze di settore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ostra, gare d'appalto pilotate alla casa di riposo: ci sono due indagati

AnconaToday è in caricamento