Cronaca

Furto nella notta al Maxi Bar, lo sfogo del titolare: «Al Piano situazione insostenibile. Silvetti devi fare qualcosa»

A dirlo è Massimo Sturani, titolare del Maxi Bar di via Maggini. Questa notte dei ladri sono entrati all'interno del locale ed hanno rubato monete e contanti. Lo sfogo con la richiesta al sindaco Silvetti: «Devi intervenire»

ANCONA - Furto nella notte all'interno del Maxi Bar di via Maggini. A raccontare del colpo, all'interno dello storico locale del Piano, è stato il proprietario Massimo Sturani.

Secondo una prima ricostruzione i banditi, poco dopo le 4, sarebbero entrati dal tetto, rompendo poi una finestra per entrare nel bar. Una volta all'interno avrebbero preso i soldi dal fondo cassa e da alcune slot machines, tentato di scardinare un cambia monete, riuscendo nel giro di pochi minuti ad uscire e far perdere le proprie tracce: «Mi ha chiamato in piena notte la polizia - si è sfogato il titolare Massimo Sturani - e sono subito arrivato sul posto. Ho trovato alcune slot machines forzate e la cassa svuotata. Non riesco a quantificare quanto sia stato rubato ma di sicuro non si è trattato di un furto effettuato da professionisti. Secondo me sono i soliti sbandati che dalla mattina alla sera frequentano il Piano. Non lavorano e per vivere spacciano droga o compiono furti come questo». E' amareggiato Massimo Sturani, quasi arreso di fronte all'ennesimo furto avvenuto in un locale del Piano: «Non è la prima volta che accade. Se ti fai un giro a qualsiasi ora del giorno o della notte è piena di gente di un certo tipo. Io mi appello al sindaco Silvetti: prima che succeda qualcosa di più grave devi intervenire. Ci sono troppe persone che non lavorano e che pensano solo ad ubriacarsi e girare per il Piano senza uno scopo». 

L'imprenditore, inoltre, ha raccontato di un fatto avvenuto qualche giorno prima sempre all'interno del suo locale. In quel caso un ragazzo romeno era stato portato in questura dalla polizia perchè ubriaco e molesto: «Gli agenti sono stati gentilissimi. Io avevo tentato di allontanarlo dal bar ma non c'ero riuscito. Per questo avevo chiesto il loro intervento: i poliziotti lo avevano preso e portato in Questura. Indovinate però cosa è successo dopo neanche un'ora? Me lo sono ritrovato di nuovo davanti al mio bar. Purtroppo le forze dell'ordine hanno le mani legate e, per me, l'unica soluzione è rimandare questa gente nel proprio Paese. Se non lavori come fai a vivere? Soltanto rubando e spacciando». Intanto proprio la polizia sta indagando sul furto: i banditi sarebbero entrati nel bar a volto coperto ed utilizzando dei guanti. Già questa mattina gli investigatori hanno raccolto le immagini della videosorveglianza per ricostruire, frame by frame, l'ennesimo furto in uno dei quartieri più sensibili del capoluogo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto nella notta al Maxi Bar, lo sfogo del titolare: «Al Piano situazione insostenibile. Silvetti devi fare qualcosa»
AnconaToday è in caricamento