rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Posatora / Via Monte Pennino

Cacciato dal ladro durante il furto, blitz in appartamento: bottino da 50mila euro

Non solo ha visto in faccia il ladro, ma si è anche dovuto scontrare con la sua sfrontatezza. Disavventura per un giovane e raid in alcuni appartamenti

“Cosa fai qui? Vattene via”. E’ stata la frase che ha iniziato il battibecco tra un giovane residente di via Pennino e uno dei ladri che nella stessa sera hanno svaligiato almeno tre appartamenti in zona Posatora. L’aspetto surreale è che, secondo le testimonianze raccolte dai carabinieri, è stato proprio il ladro ad allontanare il giovane residente che lo aveva sorpreso nel cortile della palazzina con una radiolina in mano. I colpi sono stati messi a segno tra il tardo pomeriggio e la sera di giovedì scorso: finestre danneggiate, camere da letto ripulite da gioielli e denari, ma in un caso anche una cassaforte aperta con un frullino. Dentro c'erano 50.000 euro in gioielli, oro e contanti.

Erano passate le 19 di giovedì scorso quando un 24enne stava uscendo di casa e la sua attenzione è stata catturata prima dal lampione del cortile fuori uso, poi dalla presenza dell’uomo sospetto in un terrazzino del piano terra. Secondo la ricostruzione al vaglio dei carabinieri, il ladro si è spacciato per un metronotte e ha iniziato la conversazione tentando subito di allontanare il ragazzo: “Cosa fai qui? Vattene via” ha ripetuto più volte il malvivente in lingua italiana con accento straniero. “Se ne vada lei” ha invece replicato il giovane. Quando l’atteggiamento del ladro è diventato più aggressivo, il 24enne ha preferito allontanarsi allertando le forze dell’ordine. Il tempo ha però giocato a favore del palo e dei suoi complici. In via Pennino i topi d’appartamento hanno infatti ripulito due appartamenti approfittando dell’assenza dei proprietari. In un caso hanno alzato la serranda per poi danneggiare la finestra interna e raggiungere la camera da letto dove c’era la cassaforte: «Volevano smurarla e portarla via, abbiamo trovato segni di picconate – ha detto una ragazza che vive nell’appartamento del secondo piano ma che ha chiesto di poter restare anonima- non ci sono riusciti, quindi l’hanno aperta con un frullino e hanno portato via quello che era all’interno». La ragazza era a cena da alcuni parenti quando ha ricevuto la telefonata dei vicini e si è precipitata in casa: «Eravamo usciti intorno alle 19,10 e alle 20,15 circa è arrivata la chiamata. Abbiamo trovato già i carabinieri e ci hanno detto di aver trovato la porta aperta, forse i ladri sono fuggiti da là». I ladri hanno visitato anche l’appartamento del primo piano insieme a una terza abitazione della vicina via Monte Vettore. «Da noi sono venuti tra le 19 e le 20, ci hanno ripulito di soldi e oro rovesciando la camera da letto e la camera di mio figlio» ha raccontato l'inquilino, un uomo di 67 anni. Anche in questo caso i malviventi hanno sfondato la portafinestra della cucina al secondo piano dopo essersi arrampicati su un terrazzino: «Eravamo usciti alle 16, siamo tornati alle 20 e abbiamo trovato il disastro – ha concluso l’uomo- questa situazione si vive male, non sei più padrone della tua vita. A noi hanno portato via anche i ricordi, catene d’oro dei suoceri e di mio figlio ed è una delle cose che fa più male». 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cacciato dal ladro durante il furto, blitz in appartamento: bottino da 50mila euro

AnconaToday è in caricamento