Cronaca

Camerano: borse “schermate” piene di refurtiva, tre giovani in arresto

Avevano usato delle borse schermate con un rivestimento metallico: lo stratagemma aveva eluso il sistema di antitaccheggio, ma non il controllo dei carabinieri. In arresto tre ragazze fra i 20 e i 28 anni

Avevano usato delle borse schermate con un rivestimento interno metallico le tre donne che sono state arrestate ieri per furto aggravato al Carrefour: lo stratagemma aveva eluso il sistema di antitaccheggio, ma non il controllo dei carabinieri.

Le tre giovani donne, di età compresa fra i 20 e i 28 anni, sono state fermate dai militari di servizio presso il centro commerciale, che hanno chiesto loro di esaminare il contenuto delle borse. Le tre ragazze hanno reagito ostentando un’aria infastidita, ma alla fine hanno dovuto acconsentire al controllo che ha permesso di scoprire le sporte “rivestite” e il loro contenuto: 300 euro di refurtiva tra prodotti di abbigliamento, calzature, cosmesi ed alimentari. Le tre taccheggiatrici sono state arrestate e identificate per:

- R. D., nata a Niksic (Bosnia Erzegovina), Classe 1985, residente in Ancona, nubile, venditore ambulante, nota alle forze dell’ordine, in regola con il permesso di soggiorno;
- R. D., nata a Mostar (Bosnia Erzegovina), Classe 1991, residente in Ancona, nubile, nullafacente, nota alle forze dell’ordine, in regola con il permesso di soggiorno;
- A. C. K. W., nata a Lima (Perù), Classe 1993, residente in Ancona, nubile, studentessa, nota alle forze dell’ordine, in regola con il permesso di soggiorno.

La Procura di Ancona ha disposto che le arrestate rientrassero presso il proprio domicilio a disposizione delle successive determinazioni giudiziarie.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camerano: borse “schermate” piene di refurtiva, tre giovani in arresto

AnconaToday è in caricamento