Jesi: rubavano dalle auto in sosta al parcheggio del cimitero, arrestati

I militari, che erano in borghese per non destare sospetti, si sono avvicinati e hanno scoperto che la coppia aveva appena forzato la portiera di una Lancia Y e si era impossessata di una borsa da donna

Ieri pomeriggio i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Jesi, hanno arrestato in flagranza di reato una coppia – lui, B.P., nomade 50enne residente a Jesi e già noto alle forze dell’ordine; e lei, T.S., 44enne jesina – sorpresa a rubare nelle auto in sosta al parcheggio del cimitero di Jesi. La zona era stata teatro di diversi episodi di questo tipo e i militari avevano predisposto un preciso dispositivo di sorveglianza.  

I militari, che erano in borghese per non destare sospetti, si sono avvicinati e hanno scoperto che la coppia aveva appena forzato la portiera di una Lancia Y e si era impossessata di una borsa da donna.
Rintracciata la proprietaria, una signora residente a Staffolo, le è stata restituita la borsa e i due ladri sono stati arrestati per furto aggravato e danneggiamento.

I due ladri sono ristretti agli arresti domiciliari in attesa del processo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • Terribile schianto in via Conca, tir perde il controllo e schiaccia un'auto

  • I-Beach, la nuova App per prenotare un posto al mare: ecco come funziona

  • La polizia gli chiede i documenti e lui si rifiuta: «Non siete legittimati a farlo»

Torna su
AnconaToday è in caricamento