Appostamenti fuori da teatri e ristoranti: così agiva la banda dei furti in villa

Dieci arresti. Le indagini partite dal colpo in via Palermo e dall'uccisione del ladro Domenico Bardi. Il gruppo prendeva le targhe delle auto e poi risaliva all'indirizzo delle case

Una delle rapine riprese dalle telecamere

Furti da specialisti, organizzati e pianificati. Sempre il fine settimana, fuori regione e con lo stesso metodo. L'indagine della squadra mobile di Latina che ha portato all'arresto di dieci componenti di una banda napoletana dedita ai furti in ville e in appartamenti, anche ad Ancona e nelle Marche, nasce dal furto commesso il 15 ottobre del 2017 a Latina in via Palermo e dall'uccisione di uno dei ladri, Domenico Bardi, colpito dai proiettili esplosi dall'arma di Francesco Palumbo, il figlio dei proprietari dell'appartamento che il gruppo era intento a svaligiare. 

Le indagini dopo il furto in via Palermo e l'uccisione di Domenico Bardi

Due mesi dopo quel colpo erano finiti agli arresti quattro complici del ladro ucciso, che presero parte al raid di via Palermo. Si trattava di Giuseppe Rizzo, Salvatore Quindici, Antonio Bellobuono e Maria Rosaria Autore, individuati grazie a un complesso lavoro degli investigatori della squadra mobile partito dall'analisi dei tabulati telefonici. Le investigazioni però non si sono fermate e in un anno circa sono riuscite a risalire a ben cento furti messi a segno tra le province del Lazio, delle Marche e dell'Abruzzo.

Schermata 2019-02-14 alle 18.36.12-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le città colpite

La provincia pontina era la più colpita: 34 sono infatti i furti consumati tra il capoluogo e altre zone del territorio, 22 quelli avvenuti a Roma, cinque a Frosinone, uno ad Ancona, tre ad Ascoli Piceno, tre all'Aquila, uno a Pesaro e uno a Pescara. Ma gli investigatori sono certi che siano molti di più. Il giro dunque si è allargato fino a rintracciare gli altri componenti della banda: Salvatore Pepe, considerato il vertice dell'organizzazione, Salvatore Merolla, Davide Mirra, Pasquale Caiazza, Adele Iannuzzelli e Antonio Cigliano. Tutti residenti nel quartiere Traiano di Napoli.

LEGGI TUTTO SU LATINATODAY

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento