Monterado: furti nella notte, colpiti circolo Arci e casa privata

Nuovi furti nel senigalliese, questa volta nella zona di Monterado, località Ponterio. Nel giro di poche ore, tra la tarda serata e la piena notte, i ladri hanno colpito due volte

Nuovi furti nel senigalliese, questa volta nella zona di Monterado, località Ponterio. Nel giro di poche ore, tra la tarda serata e la piena notte, i ladri hanno colpito due volte: la prima in una abitazione privata, nella quale sono penetrati attraverso una finestra lasciata aperta dai proprietari (che non erano in casa al momento del furto),  da cui hanno asportato due fucili da caccia calibro 12 per un valore complessivo di 500 euro.

Il secondo crimine è invece stato portato a segno pressi il circolo ARCI  Alcide Cervi dove, dopo aver infranto un vetro con una mazza ferrata, hanno asportato una macchina cambia soldi vincolata al muro con una catena metallica, spezzata dai ladri con una tenaglia. Gli arnesi da scasso sono stati abbandonati sul posto dai malviventi. Il danno totale in questo caso non è stato ancora quantificato, ma è ritenuto inferiore ai 500 euro.

I malviventi hanno avuto l’accortezza – ormai prassi consolidata se non si tratta di sbandati – di usare guanti di lattice, rendendo vana la ricerca di impronte digitali da parte dei Carabinieri della Stazione di Ripe e del Nucleo Operativo Radiomobile di Senigallia, giunti subito sul posto per i rilievi di rito.
Sono però al vaglio le immagini dei sistemi di videosorveglianza posizionati nei pressi dei luoghi in cui sono avvenuti i furti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento