Rapine e furti nei supermercati, poi aggrediva le commesse: arrestata una donna

I Carabinieri della Tenenza di Falconara Marittima, hanno dato esecuzione ad un provvedimento di carcerazione disposto nei confronti di una donna che ora dovrà rispondere di furti e rapina

I carabinieri (foto di repertorio)

FALCONARA -  Tra il 2007 ed il 2010 aveva imperversato nei supermercati della provincia di Ancona, spesso in compagnia di altre donne della stessa comunità, facendo razzia di vestiti, alcolici e prodotti alimentari costosi, arrivando in diverse occasioni ad aggredire e minacciare chi, tra il personale impiegato nelle attività, riusciva ad incastrarla richiedendo l’immediato intervento delle forze dell’ordine.

I Carabinieri della Tenenza di Falconara Marittima, hanno dato esecuzione ad un provvedimento di carcerazione disposto nei confronti di una cittadina di origini rom residente a Falconara, che ora dovrà rispondere di rapina impropria e furto aggravato. Dopo un primo periodo agli arresti domiciliari per reati analoghi, la donna è stata raggiunta da un nuovo ordine di esecuzione superiore a 6 anni di reclusione che, cumulandosi a quello già in atto, le ha fatto superare in concreto la soglia massima detentiva (2 anni) per usufruire del beneficio dei domiciliari. Così, dopo i rituali saluti familiari, la donna ha fatto un veloce bagaglio ed è stata tradotta dai militari di Falconara presso il più vicino istituto di detenzione, ovvero il carcere femminile di Pesaro Villa-Fastiggi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna nel 2010, in occasione del periodo prenatalizio, era stata arrestata insieme ad una parente per il furto aggravato di alcuni giocattoli per un valore pari a 250 euro, reato che era poi degenerato nella rapina impropria quando la commessa si era accorta del furto. Le due donne avevano reagito con spinte e pesanti minacce di morte. E pensare che pochissime settimane prima, la stessa donna era stata immortalata dalle telecamere di un altro punto vendita, mentre con la complicità di altra parente, era riuscita ad impossessarsi di ben 6 bottiglie di alcolici, per un valore di un centinaio di euro. Per lei ora si sono aperte le porte del carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento