Ancona martoriata dai furti, la banda del buco colpisce ancora

La banda del buco colpisce ancora. Portata via la cassaforte della ditta edile F.ll Simonetti in via della ferrovia. Furto invece da parte di ignoti al magazzino comunale in via Paolucci dove è stata portata via un'auto

Ancona

Ancona sotto assedio dei ladri. Nel weekend sono stati messi a segno diversi colpi da almeno due bande differenti. I furti più consistenti alla ditta edile F.lli Simonetti e al magazzino comunale in via Paolucci. La banda del buco è inarrestabile. Sono ormai una decina i furti messi a segno dai ladri con il piccone. Praticamente impossibile cercare di anticipare le loro mosse, i loro bersagli cambiano continuamente. Dopo palestre, piscine e ristoranti questa volta è toccato alla ditta Simonetti in via della ferrovia.

I ladri sono riusciti a portare via la cassaforte con l'incasso della giornata di sabato. Come sempre, sapevano come  muoversi e cosa cercare. Come sempre sono stati molto abili nell'evitare di far suonare gli allarmi. Per entrare i banditi sono saliti sul tetto del capannone, hanno rotto il vetro di una finestra al secondo piano e una volta all'interno hanno cercato di raggiungere l'ufficio della cassaforte sito al primo piano.  Per accedervi hanno fatto un primo buco nella parete della tromba delle scale. Nella prima stanza però non hanno trovato nulla se non i sensori dell'allarme, quindi per raggiungere la stanza adiacente con la cassaforte sono risaliti al secondo piano e hanno bucato il pavimento.

Un lavoro che potrebbe averli impegnati per diverso tempo. Probabilmente i ladri hanno utilizzato un martello a batteria oltre alle solite mazze e picconi. Una volta fatto il buco si sono calati dal soffitto. Raggiunto l'obiettivo, la banda se n'è andata con la cassaforte. Per risalire si sono aiutati appoggiando i piedi su un frigorifero. I danni stimati per il buco nel solaio e nella parete ammontano a circa 5 mila euro. Ancora da stabilire se la banda abbia agito sabato o domenica notte. A fare la scoperta questa mattina un dipendente che si è ritrovato in mezzo a macerie e calcinacci. Sul posto la Polizia Scientifica.

Notte di furti e vandalismo anche nel magazzino comunale di Vallemiano. Il colpo non sarebbe attribuibile alla banda del buco. Ignoti, sono entrati rompendo la recinzione del campo sportivo adiacente. Una volta nell’area comunale, hanno rotto alcuni vetri per accedere all’interno. Hanno rubato mezzi e attrezzature e vandalizzato gli uffici provocando numerosi danni. Dal magazzino è stato prelevato un automezzo, un Fiorino, con le insegne del Comune di Ancona, due gruppi elettrogeni presi da un officina, alcune smerigliatrici a batteria e alcune divise con le scritte dell’amministrazione. A preoccupare è soprattutto il furto di materiale con le insegne dell’Amministrazione Comunale in quanto i malviventi potrebbero utilizzarli per fare appostamenti o mettere a segno colpi.

I ladri vandali non hanno risparmiato gli uffici mettendoli completamente a soqquadro. Hanno rotto porte nuove, sporcato di fango  tavoli e stipiti. Si sono poi divertiti a scaricare completamente un estintore a polvere dentro  una Fiat Panda di servizio. Hanno girato all'insù la telecamera di video sorveglianza. Nel capannone principale è stata divelta anche la porta tagliafuoco dell’ambiente che contiene gli oli combustibili. I ladri se ne sono andati passando dal cancello principale, distruggendo il braccio elettronico. Su posto sono intervenuti i Carabinieri.

«Siamo molto amareggiati. Stiamo rimettendo a posto e riqualificando il magazzino comunale, accentrando tutto a Vallemiano anche per meglio organizzare gli interventi sul territorio a carico dell’Amministrazione. Non siamo ancora in grado di quantificare i danni perché stiamo ancora controllando con i tecnici i vari ambienti che compongono la struttura e accertando l’inventario dei materiali- commenta Stefano Foresi, assessore alla Manutenzioni-. Questo è il secondo furto in pochi mesi. Adesso faremo un congegno di videosorveglianza il cui allarme sarà collegato con i carabinieri e la Questura». Altri furti sono stati messi a segno in un cantiere alla Baraccola, dove probabilmente i ladri si sono riforniti degli attrezzi necessari per i colpi, e negli spogliatoi di un campo sportivo a Posatora. 

Ma non finisce quì perché sempre nella giornata di ieri, un cliente sospetto avrebbe derubato una tabaccheria di corso Amendola. E' entrato hciedendo le sigarette che avrebbe pagato ocn 100 euro. La titolare ha aperto la cassettina con i soldi per dare il resto poi si è distratta. E' stato un attimo. L'uomo ha approfittato del momento per portare via  via l'incasso con quasi 5mila euro in contanti. Soldi derivanti da Lotto e i Gratta e Vinci che, come ogni lunedì, il tabaccaio avrebbe usato per coprire i Rid bancari. Indagano i carabinieri di via Piave. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, altri 2 tamponi positivi: salgono a 3 i casi nelle Marche

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

Torna su
AnconaToday è in caricamento