Cronaca Jesi

Due furti in due giorni, ladri scatenati in città: case a soqquadro

Proprietari al lavoro, banditi indisturbati e case ritrovate a soqquadro. Gli episodi sono stati denunciati ai carabinieri, avviate le indagini

Due furti in due giorni. In altrettanti appartamenti. Nulla a che vedere con quanto avvenuto a San Paolo dove un ristoratore di 54 anni è stato malmenato e derubato dai banditi ma, ad ogni modo, episodi che, soprattutto d'estate, aumentano di numero e tengono impegnate le forze dell'ordine per risalire agli autori. I fatti che vi raccontiamo risalgono alla settimana scorsa, pochi giorni prima del raid di San Paolo di Jesi. Due abitazioni private sono state ritrovate dai proprietari, al loro rientro, completamente a soqquadro. Le vittime dei furti sono una famiglia jesina e un'altra di ristoratori cinesi.

I furti sono avvenuti in pieno giorno in zona San Giuseppe. A parte i danni agli infissi e l'amaro in bocca per la violazione del domicilio, il bottino è stato davvero magro. Poche centinaia di euro in casa degli italiani. Nulla, stando a quanto dichiarato in sede di denuncia, dai cinesi. Di questi casi si stanno occupando i carabinieri di Jesi. Nei giorni scorsi, sempre in città, sono state denunciate le sparizioni di due scooter di grossa cilindrata (due Yamaha T Max) e una moto Triumph Tiger.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due furti in due giorni, ladri scatenati in città: case a soqquadro

AnconaToday è in caricamento