Da Collemarino a Torrette, raffica di furti: presi di mira i garage

Bande di malviventi hanno messo sotto assedio alcuni quartieri del capoluogo. Il bottino? Dalle auto alle moto, fino ai detergenti per la casa

E' allarme in alcuni quartieri del capoluogo, dove ormai da tempo bande di malviventi hanno messo sotto assedio intere zone, soprattutto nelle ore notturne. Nel mirino garage e cantine, dove i banditi sono riusciti a rubare di tutto: dalle auto alle moto fino ai prodotti per la casa. A dare la notizia Il Corriere Adriatico. 

A Sappanico alcune famiglie sono riuscite ad organizzarsi con la vigilanza privata, che ogni notte perlustra la zona per evitare altri colpi. Una misura certamente utile ma che non ha scoraggiato i malviventi, che hanno comunque provato ad entrare in una villetta, già presa di mira lo scorso dicembre. Per i residenti si tratta di un vero e proprio assedio: «Hanno cercato di derubarmi per la seconda volta - afferma il proprietario della villetta - ma per fortuna un vicino ha dato l'allarme e li ha fatti fuggire. Le frazioni purtroppo non sono controllate, come faccio a sentirmi tranquillo?».

Due settimane prima infatti i banditi erano riusciti ad entrare nella sua casa. Dopo aver rotto una finestra avevano fatto razzia di gioielli per un valore di oltre duemila euro. Altri colpi sono statti messi a segno nelle scorse ore anche a Torrette e Collemarino, dove i ladri hanno svaligiato una serie di garage e cantine. Il bottino? Di tutto, tra veicoli, console per videogiochi, televisori e prodotti per la casa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento