La città piange il custode del suo monumento più caratteristico

Si è spento all'età di 71 anni Francesco Benedettelli, per decenni responsabile delle aperture e delle chiusure alla Mole Vanvitelliana. Il ricordo dell'assessore Marasca

Si è spento all'età di 71 anni Francesco Benedettelli, storico custode della Mole Vanvitelliana. Dopo aver lavorato in Guardia di Finanza era andato in pensione sd aveva iniziato a occuparsi delle aperture e chiudure del Lazzaretto. Il funerale sarà celebrato domani, sabato 13 ottobre, alla chiesa del Sacro Cuore alle 15. Su Facebook il ricordo commosso dell'assessore alla Cultura del Comune di Ancona, Paolo Marasca. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Rustico eri rustico, diciamolo - ha scritto Marasca - Alla maniera tua. Ma poi capace di grandi affetti, che sapevi scegliere con attenzione. Ti ho conosciuto nel 1994, quando ho iniziato a fare cose al Lazzaretto. C'erano fichi piantati nella Corte, alberi belli grossi, costruzioni di cemento da dove proiettavamo i film e iniziai con la mostra di Pazienza, e portando fusti di bevande, e spazzando in terra. Tu stavi lì da un po' già e giravi con Black, il tuo pastore belga nero nero che era buono, ma di una certa utilità nel caso di persone di cui non ti fidavi. Mi tributasti subito la tua stima, perché dicevi che io sì che lavoravo sodo, mica come certi altri. E da allora mi hai sempre mostrato affetto, anche quando sono tornato in altra veste, veste che hai sempre rispettato e che ci ha fatto incontrare di nuovo. Fino a ieri. Hai fatto la guardia a decine e decine di ragazzi come me che portavano contenuti in un posto strano, che via via ha preso sempre più forma. "Devi essere soddisfatto" mi ripetevi poco tempo fa, con il tuo sorriso da residente che ne ha viste tante. Ti dico la verità, Francesco, non abbiamo finito, anzi, e avrei tanto voluto che tu ci fossi ancora, per stupirti con l'amore che hai sempre dimostrato per la mole. Abbraccio tua moglie Daniela, un tutt'uno con te, e i tuoi figli, che ricordo piccoli giocare a tennis contro il muro della mole, nel canalone, che sembrava fossimo in un fim. alla fin fine, voglio dirtelo, noi tutti ragazzi ti volevamo bene».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Focolaio dopo una festa, Pietralacroce col fiato sospeso: anche il parroco in quarantena

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Bambini positivi, classi intere in quarantena: il virus corre nelle scuole dei piccoli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento