Cronaca Fabriano

«Portami a comprare "il fumo"», l'amico si rifiuta e lui lo riempie di botte: alla larga per due anni

Il questore ha disposto il Daspo urbano per il 30enne che il 2 maggio aveva aggredito con calci e pugni il conoscente. Quest'ultimo si era rifiutato di accompagnarlo a comprare la droga

FABRIANO - Pretendeva di essere accompagnato fino a Perugia a comprare “il fumo”. Al rifiuto del conoscente di portarlo in macchina ad acquistare lo stupefacente, però, il trentenne tunisino ha perso le staffe. Così il 2 maggio è scoppiata una violenta lite tra i due e l'uomo, probabilmente ubriaco, si è avventato sull'altro con calci e pugni. La scena da brividi era avvenuta vicino ad un bar in pieno centro storico a Fabriano.

La vittima, anche lui di origine tunisina, era finita in pronto soccorso con 8 giorni di prognosi. Per l’aggressore, invece, è scattato il Daspo di due anni. Lo ha disposto il questore di Ancona Cesare Capocasa su segnalazione della polizia fabrianese intervenuta quella sera. 

Al 30enne, non nuovo a questo genere di episodi che spesso si sono verificati all’esterno dei locali pubblici della cittadina, è stata applicata la sanzione massima prevista dalla normativa, ossia il divieto di accedere per due anni a tutti gli esercizi pubblici e ai locali di intrattenimento del comune di Fabriano, pena la denuncia alla Procura di Ancona che prevede la detenzione fino a due anni e la multa fino a ventimila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Portami a comprare "il fumo"», l'amico si rifiuta e lui lo riempie di botte: alla larga per due anni
AnconaToday è in caricamento