Cronaca

Danni al chiosco di Frolla, parla il titolare: «Distrutto mezzo locale, ma noi ripartiremo subito»

Così Jacopo Corona, responsabile del micro biscottificio Frolla, che a Castelfidardo impiega da quattro anni 15 giovani con disabilità intellettiva

«Ci hanno distrutto mezzo locale, ma noi ripartiremo subito, già da oggi pomeriggio. I ragazzi li ho tenuti lontano da tutto questo e non li ho fatti venire stamattina. Ma appena hanno saputo del furto hanno chiesto: però oggi lavoriamo, sì? Sono fantastici e noi riapriamo, anche a costo di fare al momento solo caffè, soprattutto per loro: per dimostrare che l'amore per questo lavoro è più forte di qualsiasi cattiveria». Jacopo Corona, responsabile del micro biscottificio Frolla, che a Castelfidardo impiega da quattro anni 15 giovani con disabilità intellettiva, questa mattina è stato svegliato da una telefonata dei carabinieri. Passeggiando nel parco delle Rimembranze, alle prime ore dell'alba, un passante aveva notato che era stata forzata la porta del chiosco che il microbiscottificio gestisce da due anni nell'area verde nel periodo estivo con colazioni e apericena, e che tutt'intorno c'erano suppellettili rotte e molta confusione. E aveva avvertito i i militari. I ladri non solo hanno danneggiato la struttura e rubato bottiglie di vino e i pochi alimenti conservati all'interno, ma si sono portati via anche il contenitore con le piccole mance che i ragazzi avevano raccolto nei giorni di lavoro. Diffusa la notizia sui social, il profilo facebook di Frolla è stato sommerso da commenti di vicinanza e solidarietà. Tra i primi, quello dei compagni di lavoro della Locanda del Terzo Settore "Centimetro Zero" di Pagliare del Tronto (Ap), progetto sociale che fa lavorare giovani con deficit intellettivo e che da circa un anno è "gemellato" con Frolla.

«Nessuno mai riuscirà a rubarvi il tesoro più grande che avete: il cuore e la forza - ha scritto Roberta D'Emidio, responsabile di 'Centimetro Zero' - I ragazzi della Locanda hanno deciso di dividere con gli amici di Frolla le mancette della settimana». Firmato: Marino, Alessio, Costantino, Martina, Emidio, Riccardo, Davide, Giulia, Habir, Gabriella, Lollo, Daniele e Fabio. Nomi, tanti. Ognuno a raccontare una storia fatta di rivincite e riscatto da una vita destinata all'isolamento e che dall'isolamento è stata strappata grazie al lavoro e alle infinite possibilità che offre il continuo contatto sociale. Vite che stanno superando con grande fatica i problemi causati dalla pandemia e che adesso si stanno preparando a ripartire. Uno scenario che mette ancora più in evidenza il contrasto con l'atto vandalico compiuto nella notte. «Ci hanno rubato anche una cassa acustica, ma soprattutto- sottolinea Jacopo Corona- ci hanno portato via un po' di serenità. Al microbiscottificio abbiamo un sistema di telecamere, ma al chiosco non abbiamo avuto nemmeno il tempo di istallarlo. Sinceramente non ci avevamo nemmeno pensato, eravamo convinti che non sarebbe stato necessario. Adesso invece provvederemo a istallarlo. Prima però dobbiamo quantificare i danni e procedere con le riparazioni». «Ringraziamo di cuore gli amici di Centimetro Zero per la vicinanza e il pensiero che hanno avuto per noi. Più che dividere le mance, propongo di condividere una bella serata insieme, un evento di solidarietà che ci aiuti a ripartire. Sentiamoci e organizziamo. Intanto noi oggi dalle 16.00 siamo operativi e aspettiamo tutte le persone che vorranno venirci a trovare».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danni al chiosco di Frolla, parla il titolare: «Distrutto mezzo locale, ma noi ripartiremo subito»

AnconaToday è in caricamento