Coldiretti Marche, bene la Regione su fondi post Covid per le aziende agricole

Per i vivai c’è la possibilità fin da oggi di presentare le domande di contributo fino a un massimo di 20mila euro, a seconda della perdita di fatturato. Per gli agriturismi, invece, domande da lunedì per bonus fino a un massimo di 4mila euro

Foto di repertorio

ANCONA - Coldiretti Marche esprime soddisfazione per le misure contenute in Piattaforma 210, la manovra della Regione Marche per sostenere l’economia del post Covid nella quale sono previste importanti novità che incontrano quanto chiesto dall’associazione per le imprese agricole. In particolare vivai e agriturismi, due tra le attività più danneggiate dall’emergenza Coronavirus, potranno contare su bonus una tantum per far fronte alla riduzione di liquidità e alla contemporanea esigenza di adeguare le proprie strutture alle norme legate alla sicurezza sanitaria. Per i vivai c’è la possibilità fin da oggi di presentare le domande di contributo fino a un massimo di 20mila euro, a seconda della perdita di fatturato. Per gli agriturismi, invece, domande da lunedì per bonus fino a un massimo di 4mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei prossimi giorni è prevista la pubblicazione dei altri bandi dedicati al settore vitivinicolo, alla filiera della carne bovina, del latte e del formaggio. Tutte misure chieste in questi mesi da Coldiretti Marche nei tavoli con la Regione che si sono succeduti fin dall’inizio dell’emergenza. Parliamo di circa 100 vivai e un migliaio di agriturismi, secondo un'analisi di Coldiretti Marche su dati della Camera di Commercio regionale.  “Gli agriturismi e i vivai - evidenzia Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche - hanno subito pesantemente il contraccolpo economico scatenato dal Covid. La cancellazione di eventi cerimoniali e dei trasferimenti canonici previsti per le giornate di festività primaverili, ha congestionato l'operatività di tali settori. Per questo abbiamo ritenuto necessario un ulteriore intervento a sostegno di questi imprenditori fortemente colpiti dalla quarantena e che hanno ora la necessità di misure straordinarie per risollevarsi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

  • Sconfitta dal Marina alla prima di campionato, l'Anconitana è già una delusione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento