Metalmeccanici annunciano lo sciopero: più diritti in tempo di emergenza

La mobilitazione organizzata da Fim, Fiom e Uilm è prevista per il 5 novembre sotto la sede territoriale di Confindustria

Fiom Cgil

Continua la mobilitazione metalmeccanica con lo sciopero organizzato dalle sedi provinciali di Fim, Fiom e Uilm prevsito per il 5 novembre dalle 10,00 davanti alla sede di Confindustria in via Pietro FIlonzi. «Approfittando della crisi sanitaria - si legge nei comunicati diramati in questi giorni delle federazioni - si sta cercando di mettere sotto attacco il contratto nazionale. Continua dunque la mobilitazione con le aziende scese in lotta, tra cui Electrolux di Cerreto d'Esi e la AMC Ghergo Group, la Divisione Thermowatt dell'Ariston».   

In seguito allo strappo con Federmeccanica, le Federazioni rivendicano attraverso lo sciopero: «Difesa dell'occupazione e rilancio dell'industria, tutela della salute, conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, stabilizzazione dell'occupazione e battaglia alla precarietà e infine aumento del salario».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento