Finto poliziotto chiedeva documenti e scontrini: denunciato da una vera Volante

Nei guai un 40enne che, ubriaco, si divertiva a fermare passanti davanti a un bar

Foto d'archivio

Era un barista, ma sotto effetto dell’alcol si fingeva poliziotto e si divertiva a chiedere documenti e scontrini fiscali ai passanti. Nei guai è finito un cileno di 40 anni, denunciato dalla polizia. E’ accaduto ieri sera, mercoledì 26 giugno, agli Archi, davanti a un bar.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ricevute le segnalazioni, sul posto è giunta immediatamente la Volante di zona che procedeva ad identificare subito il soggetto, in compagnia della sua fidanzata: è stato appurato nel contempo che nessuno dei passanti o clienti del bar si era fermato per fornire documenti o scontrini fiscali. Questa volta, però, erano i veri poliziotti a chiedergli i documenti. Alla richiesta di mostrare il tesserino di appartenenza alla Polizia di Stato, l’uomo si è alterato cominciando a manifestare il proprio fastidio per il controllo: «Voi non sapete chi sono io…vi trascino tutti in tribunale», gridava. Il 40enne, che poi si è scoperto essere un barista, è stato accompagnato in questura per gli atti d’identificazione. Al finto poliziotto veniva contestata la minaccia e l’oltraggio a pubblico ufficiale, nonché le sanzioni amministrative per l’ubriachezza e l’usurpazione di titolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un colpo mortale a Fiorella e 4 fendenti al marito: il killer aveva già provato ad entrare

  • Il killer della porta accanto piantonato in ospedale, aggredì anche un uomo a sprangate

  • Schianto sulla strada per Portonovo, auto contro scooter: grave una donna

  • Entra in casa di una coppia di anziani, prima ammazza lei e poi si scaglia contro il marito

  • «Aiuto, lasciami, non mi toccare», le ultime parole di Fiorella prima del colpo mortale

  • «Ci ha aggredito nel sonno, mi ha picchiato e poi mi ha colpito più volte con un vetro»

Torna su
AnconaToday è in caricamento