menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferragosto al porto tra controlli e sbarchi: 40mila passeggeri in transito

L'allarme 2 per il rischio di attentati terroristici nei porti italiani non ha rallentato le operazioni. Statistiche dello scalo in aumento: + 8% i passeggeri, + 3% le merci

Misure di sicurezza aumentate nei porti italiani nel weekend di Ferragosto ma ciò non ha rallentato le operazioni che anzi, secondo l'Autorità Portuale di Ancona, sono state velocizzate rispetto a quanto previsto. Numeri in aumento sulle rotte di Grecia, Albania e Croazia. «Complessivamente – dicono dall'Ap - sono transitati tra venerdì e il giorno di ferragosto 40mila passeggeri, con 10mila mezzi al seguito e oltre 1.300 tir senza che si verificassero situazioni di blocco del traffico». Dei 40mila passeggeri transitati tra venerdì e lunedì, 19mila erano in partenza (circa 7mila solo sabato 13 agosto): oltre 11mila diretti in Grecia, 6.300 in Croazia e più di 1.500 verso l’Albania. Sempre venerdì, il porto ha contato 2000 croceristi con l'approdo della Msc Sinfonia

Da domenica nel porto di Ancona è iniziato il flusso di rientro: i passeggeri in sbarco hanno superato il numero degli imbarchi (rispettivamente oltre 5.000 e circa 3.600), dato che è proseguito anche a Ferragosto con 3500 imbarchi e 4700 sbarchi e che vedrà come da alcuni anni il grande flusso di vacanzieri avviatosi tra maggio e giugno terminare a settembre. Per quanto riguarda le statistiche generali del porto, i dati mostrano un andamento positivo. In particolare le merci nei traghetti hanno segnato un +14% a luglio (+3% su base annuale), mentre prosegue in crescita anche l’andamento del traffico contenitori (+2% su base annua). Nel mese di luglio il traffico passeggeri ha segnato una crescita dell’8%. Molto consistente anche il traffico rinfuse liquide (+14% su base annua) con quasi 3 milioni di tonnellate di merce movimentata nei primi 7 mesi del 2016.

«I segnali positivi in generale – ha commentato Rodolfo Giampieri, presidente dell'Autorità Portuale – e quelli che provengono dal traffico traghetti con l’aumento delle merci e dei passeggeri trasportati sono un ottimo indicatore per un porto come Ancona, che ha nel traffico internazionale dei traghetti uno dei suoi aspetti più caratterizzanti. L’aumento del livello di sicurezza agli imbarchi è stato un test importantissimo che ha dimostrato la flessibilità operativa del porto e la sua capacità di rispondere prontamente alle nuove disposizioni con limitati disagi ai passeggeri ed agli operatori, che potranno quindi sostenere la crescita del traffico merci e passeggeri sulle loro navi. Ringrazio tutte le Istituzioni, le imprese e le organizzazioni coinvolte che con il loro personale, in questi giorni così delicati, hanno dato prova di un leale spirito di collaborazione orientato a soddisfare la clientela del porto. Da sottolineare infine la collaborazione fattiva dei passeggeri che hanno facilitato le operazioni di controllo».
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento