Fauna selvatica, le associazioni degli agricoltori tornano a chiedere interventi

Proprio dai cinghiali arriva il 75% dei danni in agricoltura: 2,5 milioni tra 2013 e 2017 ha calcolato il report regionale sul contenimento degli ungulati

Foto di repertorio

ANCONA - Le associazioni degli agricoltori, Coldiretti, Cia, Confagricoltura e Copagri, tornano a denunciare la pesantissima situazione vissuta dalle aziende agricole di fronte a campagne invase dal proliferare indisturbato della fauna selvatica con i conseguenti ingenti danni alle coltivazioni. Una fonte di continuo pericolo per agricoltori e automobilisti. Danni che arrivano soprattutto dalle incursioni dei cinghiali che si abbattono sulle coltivazioni cerealicole ma anche sulle recinzioni protettive. Una situazione letteralmente sfuggita di mano che gli Atc devono quanto prima regolarizzare e risolvere. Un equilibrio ambientale difficile da ritrovare e spesso non adeguatamente coordinato e governato. Soprattutto dopo i mesi del lockdown, durante i quali i branchi sono aumentati di numero con le attività di contenimento di cacciatori e selettori ferme, nonostante la possibilità di operare comunque in condizioni di sicurezza. Una devastazione senza fine, tanto che alcune colture non vengono neanche più riprese perché sistematicamente distrutte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio dai cinghiali arriva il 75% dei danni in agricoltura: 2,5 milioni tra 2013 e 2017 ha calcolato il report regionale sul contenimento degli ungulati. Senza contare i 150 incidenti automobilistici registrati dal Piano faunistico venatorio regionale. Con il risultato che gli agricoltori, in prima linea durante l’emergenza sanitaria per non far mancare i rifornimenti alimentari del Paese, sono rimasti abbandonati alla conta dei danni. Unica consolazione, magra perché per le imprese il poter lavorare in tranquillità sarebbe la condizione ottimale, è la velocità che hanno preso negli ultimi anni i risarcimenti da parte di molti Atc, non tutti in verità, per i danni da selvatici. Dopo anni di ritardi e lungaggini burocratiche le associazioni degli agricoltori sono riuscite a ottenere procedure più spedite, oltre alla possibilità da parte degli agricoltori stessi (in possesso di licenza di caccia e debitamente formati) di poter cacciare all’interno del proprio fondo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Elezioni regionali, il nuovo presidente della Regione è Francesco Acquaroli - LA DIRETTA

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento