menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fattoria didattica

Fattoria didattica

Coldiretti Marche, è boom per i centri estivi e fattorie didattiche in campagna

La campagna non perde appeal e nell’estate del post emergenza, ma ancora alle prese con le misure di prevenzione del contagio da Coronavirus, è boom per le aziende agricole che hanno aperto a centri estivi e fattorie didattiche

Gli spazi aperti e le attività in un ambiente naturale, sano e sicuro. La campagna non perde appeal e nell’estate del post emergenza, ma ancora alle prese con le misure di prevenzione del contagio da Coronavirus, è boom per le aziende agricole che hanno aperto a centri estivi e fattorie didattiche. In queste primi giorni di attività, secondo una stima di Coldiretti Marche, si è registrato un incremento di circa il 10% sulle presenze settimanali di bambini nei centri estivi.

Anche perché è aumentata l’offerta da parte di quelle strutture che, lavorando meno con ristorazione e alloggi, hanno preferito dirottare l’attività verso un servizio comunque apprezzato e sentito dalle comunità. Aumentate anche le presenze del fine settimana nelle fattorie didattiche di tutta la regione: nelle campagne marchigiane ce ne sono circa 50, più una dozzina di agriasilo. Aziende agricole pronte ad accogliere i bambini in sicurezza tra esperienze formative di educazione ambientale e alimentare, di conoscenza della campagna con i suoi ritmi, l’alternanza delle stagioni, la possibilità di produrre in modo sostenibile e l’occasione di esperienze dirette come seminare, raccogliere frutti, conoscere piante e animali delle fattorie. 

«La campagna – spiega Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – è da sempre un luogo ludico-educativo e, soprattutto in questa fase storica, diviene la meta preferita di famiglie e bambini che sentono la necessità di godere del valore ambientale e sociale custodito dalle fattorie didattiche e dagli agriturismi». Imprese importanti per il territorio perché erogano servizi anche in aree marginali della regione, spesso gestite da piccoli comuni con poche risorse per poterli sostenere. E un aiuto anche alla redditività delle imprese agricole: i servizi didattici ed educativi rientrano nelle attività secondarie della moderna impresa agricola multifunzionale che, secondo un’analisi di Coldiretti Marche su dati Ismea-Rrn-Eurostat, rappresentano nelle Marche quasi per un terzo del valore aziendale, quota aumentata di 10 punti percentuali negli ultimi 10 anni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento