Passetto, fanghi inquinanti: presto gli interrogatori

Saranno sentite a breve le 9 persone coinvolte nello scarico in mare di fanghi inquinanti: funzionari pubblici di Regione, Provveditorato, Autorità Portuale e rappresentanti delle aziende

Gestione illecita di rifiuti speciali anche pericolosi, getto pericoloso di cose e deturpazione di bellezze naturali in concorso tra loro: queste le accuse cui dovranno rispondere nove persone denunciate dai carabinieri del Noe (nucleo operativo ecologico) per lo scarico in mare al Passetto di Ancona di fanghi inquinanti prelevati alla Zipa.

Si tratta di tre funzionari pubblici (Regione, Provveditorato Opere Pubbliche, Autorità Portuale) e di sei legali rappresentanti delle tre aziende impegnate nelle operazioni: Carmar, Tramoter e Lesa.

Le sabbie “incriminate”, infatti, prelevate nell’agosto scorso dagli uomini del Noe, sono risultate contaminate da vernici, solventi e agenti antivegetativi atti a impedire la formazione di alghe sulle carene delle navi, tutte sostanze che andrebbero smaltite in siti appositi.

Fonte: ANSA
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento