Famiglie senza contributi di sostegno né partita Iva: ecco chi fa richiesta dei buoni spesa

I numeri del Comune di Ancona parlano di una percentuale dei richiedenti tickets di oltre il 50 percento di famiglie composte da 2 o 4 persone, l'età predominante è compresa tra i 38 e i 48 anni

Hanno raggiunto quota 5.920, telefonate e mail, che dal 3 aprile sono giunte al call center attivato dal Comune di Ancona per i buoni spesa resi disponibili dal Governo centrale per le persone in difficoltà a causa dell’emergenza Covid-19. Nel dettaglio: alle 4.870 fino a ieri,nella giornata odierna 7 aprile si sono aggiunte 650 chiamate e 400 mail. «E’ un lavoro immane - si legge nel comunicato - quello che gli addetti al call center ma anche i gruppi di lavoro dei servizi sociali stanno portando avanti per vagliare tante richieste».

Intanto è stata avviata la disamina di 667 pratiche che saranno ulteriormente verificate per l’accertamento dei requisiti per ottenere i buoni spesa. Dai primi dati emerge che le richieste provengono per il 36 percento da persone che hanno tra 38-48 anni; tra 27- 37 anni e tra 49-59 anni circa il 23 percento in entrambe i casi; il resto da età diverse. Tra coloro che hanno presentato domanda (analisi sulle 667 prime pervenute) il 30% sono persone single in linea con l’aspetto statistico evidenziato dall’ultima analisi demografica del Comune di Ancona che rivela che le famiglie più numerose sono quelle composte da un singolo individuo e pari a 19.338 unità nel 2019 sul territorio comunale. Domande provenienti da nuclei familiari composti da 2 a 4 persone: 57,42 % . Inoltre l’80% dei richiedenti non percepisce altri contributi economici di sostegno e il 91% non ha partita Iva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono quattro i gruppi di lavoro impegnati per esaminare le domande, la cui verifica proseguirà ininterrottamente e quanto prima l’Amministrazione conta di poter assegnare i buoni mentre è in corso di completamento la lista degli esercizi commerciali dove saranno spendibili. In certi casi i cittadini hanno richiesto anche informazioni specifiche per comprendere meglio se rientrassero nei requisiti previsti dalla misura di sostegno. Sono 35 gli operatori  (piu' di 15 per ogni turno ) addetti della GGF group che sono a disposizione dell'utenza al numero 071 2133333 e alla mail, attivi dal lunedì al sabato, dalle ore 9.00 alle ore 18.00.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento