Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Fallimento Indelfab, la Cgil: «Solo le istituzioni possono evitare disastro sociale»

Per i lavoratori, quasi 600 tra gli stabilimenti di Fabriano nelle Marche (294) e Colle di Nocera in Umbria (272), si apre il baratro del licenziamento

Lo stabilimento (credit Cgil Umbria Facebook)

FABRIANO - «Lo scenario peggiore, quello che andava scongiurato, si è invece materializzato: la Indelfab, ex Jp Industries, a sua volta ex Antonio Merloni, il più grande gruppo industriale di elettrodomestici per conto terzi d'Europa, è stata dichiarata fallita dal tribunale di Ancona. Per i lavoratori, quasi 600 tra gli stabilimenti di Fabriano nelle Marche (294) e Colle di Nocera in Umbria (272), si apre il baratro del licenziamento». Così una nota di Cgil Umbria.

«La cassa integrazione per cessazione -spiega il sindacato- terminerà infatti il prossimo 15 maggio, con al massimo sei mesi di proroga, ma poi ci sarà solo la mobilità e la disoccupazione per l'intera forza lavoro». «A questo punto solo le istituzioni possono evitare il disastro sociale - afferma Luciano Recchioni, lavoratore della ex Merloni di Colle di Nocera e storico delegato sindacale Fiom - servono soluzioni non solo per la nostra fabbrica e per il nostro futuro, ma per l'intero territorio, da troppo tempo in un vortice di declino drammatico». «Ci appelliamo in primis alla Regione dell'Umbria e all'assessore allo Sviluppo Economico, affinché prendano davvero in mano questa vicenda - continua Filippo Ciavaglia, segretario generale della Cgil di Perugia - le risorse economiche a disposizione ci sono, circa 5 milioni di euro, più quelle dedicate alle aree interne, e c'è una condizione di gestione pubblica di questa fase, visto che i commissari riprenderanno in mano il sito, che va sfruttata. Serve però un progetto vero per le 270 persone che ancora insistono in questo stabilimento».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fallimento Indelfab, la Cgil: «Solo le istituzioni possono evitare disastro sociale»

AnconaToday è in caricamento