Isolamento e quarantena, posti di blocco in città per chi viola le disposizioni

Durante il monitoraggio sono stati controllati 100 veicoli. Prosegue l’impegno del Comando per garantire il rispetto delle norme anti-contagio, compresa l’osservanza del coprifuoco

I posti di blocco

Le strade di Falconara restano sorvegliate speciali per individuare eventuali casi di persone che non rispettano l’obbligo di restare a casa, perché positive al Coronavirus o in quarantena dopo contatti a rischio. Anche questa mattina tre pattuglie della polizia locale di Falconara hanno istituito posti di blocco nelle vie principali e in quelle secondarie del territorio per fermare i veicoli in transito. Tra le 10.30 e le 11.40 di oggi, venerdì 13 novembre, sono state controllate circa cento auto e fortunatamente non sono emerse violazioni alle normative per il contenimento del contagio.

«Il mancato rispetto dell’isolamento e della quarantena rappresenta un reato – ricorda il comandante della Polizia locale di Falconara Alberto Brunetti – perché mette a repentaglio la salute pubblica, dato che questi comportamenti possono potenzialmente diffondere il contagio. Ai cittadini voglio raccomandare il rispetto delle norme e ancora prima il rispetto della comunità, che va preservata il più possibile anche per evitare ulteriori restrizioni disposte a livello statale». I controlli proseguiranno anche per verificare l’osservanza del ‘coprifuoco’, un monitoraggio che nell’ultimo weekend ha portato gli agenti a individuare un giovane uscito dopo le 22 senza un motivo valido.

Il monitoraggio sulla circolazione di persone in isolamento e sul rispetto del coprifuoco si affianca ai controlli costanti sull’utilizzo dei dispositivi di protezione e sul rispetto del distanziamento fisico, condotti quotidianamente dagli agenti nelle strade, nelle piazze e nei parchi pubblici della città. Dall’inizio della pandemia gli agenti della polizia locale di Falconara hanno controllato 5.380 persone, hanno effettuato oltre 1.200 sopralluoghi nelle attività economiche ed esercizi commerciali, hanno denunciato 27 persone alla Procura della Repubblica di Ancona ed elevato 130 sanzioni amministrative. Nei periodi di massima criticità gli uomini del Comando falconarese hanno aumentato la loro presenza sulle strade attraverso turni ulteriori di lavoro anche a scapito delle esigenze personali, garantendo la loro presenza anche per rassicurare la cittadinanza in un periodo particolarmente difficile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento