Falconara: operatore ecologico ai domiciliari per spaccio

Il dipendente di Anconambiente è stato trovato in possesso di 53 grammi di cocaina. L'uomo si dichiara innocente, sostenendo si tratti di una scorta per uso personale

È agli arresti domiciliari M.L., il dipendente di Anconambiente residente a Falconara arrestato sabato mattina, dopo che la perquisizione della sua abitazione, nella quale risiedeva con A.D.B., la fidanzata 23enne di origine brasiliana, aveva portato alla luce 53 grammi di cocaina.

Per arrivare all’operatore ecologico i militari avevano effettuato alcune perquisizioni a San Costanzo, in provincia di Pesaro Urbino. L’ipotesi degli inquirenti è che l’uomo sia il centro di una rete di spaccio che arrivava fino al pesarese. Ricostruzione, questa, recisamente negata dall’imputato davanti al giudice, che ha sostenuto invece che quello trovato dai militari fosse semplicemente di un quantitativo di stupefacente considerevole, sì, ma tenuto come scorta per uso personale.
Scarcerata invece la ragazza, ritenuta completamente estranea ai fatti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento