Choc in spiaggia, prende a pugni una donna e scappa: nella fuga perde i documenti

Rintracciato dai carabinieri l'autore del gesto sconsiderato e immotivato: la 32enne è finita all'ospedale

Carabinieri e 118 intervenuti sulla spiaggia di Falconara

FALCONARA - Aggressione-choc in spiaggia a Falconara. Un ragazzo ha sferrato senza motivo un pugno in faccia ad una bagnante, mandandola all’ospedale. E’ accaduto ieri pomeriggio, attorno alle 18,30, tra lo stabilimento Caracas e la spiaggia libera. Sul posto è intervenuto il 118 insieme ai carabinieri che hanno rintracciato l’aggressore: si tratta di un falconarese che, nella fuga, ha smarrito un documento d’identità. «L’abbiamo sentita urlare, ci siamo avvicinati e abbiamo visto che era ferita - racconta Simone Vannini, gestore dello chalet -. Chi l’ha colpita è scappato: da quello che abbiamo capito, era stato rimproverato perché aveva lanciato un bicchiere di vetro nella sabbia, forse dopo un litigio, in un punto in cui si trovava un gruppo di bagnanti, inclusi bambini, rischiando di ferirli». Il balordo, una volta redarguito, invece di chiedere scusa si sarebbe avvicinato alla 32enne, sferrandole un pugno in pieno volto, tanto da provocarle la sospetta rottura del setto nasale. Poi si è dato alla fuga, ma nella corsa ha perso un documento, grazie al quale i carabinieri sono riusciti a rintracciarlo a casa. La donna è stata portata a Torrette per accertamenti. Sono stati ascoltati altri testimoni che hanno assistito all’aggressione. Le indagini sono in corso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento