Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Porto: ex area Ccs, assolto in appello l'ex sindaco Fabio Sturani

Si è concluso con un'assoluzione piena il processo di secondo grado a carico dell'ex sindaco di Ancona Fabio Sturani. Confermata anche assoluzione di Renato Galeazzi, mentre per Montanari il reato è prescritto

L'ex sindaco di Ancona Fabio Sturani

Si è concluso ieri con un'assoluzione piena il processo di secondo grado a carico dell'ex sindaco di Ancona Fabio Sturani, condannato in primo grado a un anno, 9 mesi e 10 giorni di reclusione per concussione. Confermata l'assoluzione dell'ex sindaco Renato Galeazzi, mentre per Umberto Montanari il reato è prescritto. Revocate anche le sanzioni accessorie, ovvero la confisca dei beni di Sturani per 1,5 milioni e di quelli di Montanari per 118 mila euro.

LA VICENDA. La vicenda è quella dell'ex area Ccs del porto, acquistata nel 2001 per 2,6 mln di euro di euro dall'allora municipalizzata AnconAmbiente, che si era costituita parte civile: l’impianto accusatorio sosteneva che i due ex sindaci avessero cercato di favorire l’imprenditore portuale Alberto Rossi svendendo l’area (a rischio di deprezzamento a causa del mutamento di destinazione a parcheggio per Tir stabilito dal piano del porto) ad Anconambiente, convincendo Montanari a comperarla ad un prezzo più alto di quello di mercato. In cambio Sturani avrebbe ricevuto contributi elettorali e l’assunzione in una società assicurativa, mentre Galeazzi avrebbe agito per favorire il suo “delfino”.

Fabio Sturani ha fin dal primo momento respinto ogni accusa in tal senso, dimettendosi da sindaco di Ancona prima di concludere il mandato.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto: ex area Ccs, assolto in appello l'ex sindaco Fabio Sturani

AnconaToday è in caricamento