Il cibo Made in Marche invade le tavole all’estero, export +6%

Tra le province è sempre Ancona a fare da traino con oltre 88milioni mentre Pesaro con 82 milioni è quella che ha fatto registrare il miglior aumento rispetto al terzo trimestre 2018:

Oltre 287 milioni di euro. Tanto vale l’export agroalimentare marchigiano da gennaio a settembre di quest’anno, in aumento di circa il 6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Lo annuncia Coldiretti Marche su dati Istat relativi al commercio con l’estero. Un settore in crescita da tempo e che premia la professionalità delle aziende nel perseguire qualità e distintività dei prodotti. Tra le province è sempre Ancona a fare da traino con oltre 88milioni mentre Pesaro con 82 milioni è quella che ha fatto registrare il miglior aumento rispetto al terzo trimestre 2018: +15%. Seguono Macerata (55,6 milioni), Ascoli (54,3) e Fermo (6 milioni).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La qualità dell’agroalimentare italiano cresce sui mercati esteri - è il commento di Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – ma è necessario frenare gli attacchi rivolti al Made in Italy contrastando l’etichettatura nutrizionale a semaforo o il nutriscore sugli alimenti, sistemi di etichettatura fuorvianti, discriminatori e incompleti che indicano come rischiosi per la salute i pilastri della dieta mediterranea, riconosciuta Patrimonio Unesco». Il rischio, per paradosso, è di dare poi il bollino verde a prodotto artificiali di cui in alcuni casi non è nota neanche la ricetta. E pensare che più della metà del valore delle produzioni agricole e manifatturiere alimentari marchigiane arriva proprio da scambi con i paesi dell’Unione Europa. In testa, tra i più innamorati della tavola marchigiana ci sono tedeschi e francesi, rispettivamente oltre 30 e 22 milioni e in aumento di circa il 4,7% e  il 17%. In aumento anche le esportazioni verso gli States nonostante le incertezze legate alle minacce di Trump di innalzare al 100% i dazi sui prodotti europei contro la digital tax: quasi un 25% in più per superare i 20 milioni di valore. Esportazioni che aumentano anche verso la Russia (+55%) e la Cina (10%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento