rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca

Ex Telecom, la mega struttura fulcro del degrado: il prefetto Pellos fa un tour del palazzo abbandonato

L'enorme palazzo inghiottito dal degrado è tornato sotto i riflettori dopo che pochi giorni fa alcuni vandali hanno gettato sedie e tavolini dall'ultimo piano

ANCONA - Un enorme edificio abbandonato tra sporcizia, graffiti ed erbacce. Così si presenta l’ex sede direzionale dell’azienda Telecom in via Miglioli. Lo stabile è chiuso da anni, serrato da lucchetti e pannelli in legno ma evidentemente queste precauzioni non sono bastate il giorno di Pasquetta, visto che in quest’occasione quattro ragazzini si sono divertiti a buttare sedie, tavolini dall’ultimo piano del palazzo. Gli agenti avevano immediatamente identificato i vandali mentre i loro genitori erano stati subito convocati. 

VIDEO | Il tour nella "cattedrale del degrado" 

Dall’esterno l’ex Telecom si presenta come un sinistro catafalco abbandonato. Per anni la questione è rimasta nell'ombra poi, dopo i recenti fatti di cronaca, i riflettori si sono riaccesi tanto che proprio questa mattina il prefetto di Ancona Darco Pellos si aggirava con un suo collaboratore fuori dall'edificio. Intercettato in esclusiva da AnconaToday, Pellos non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Ha fatto un giro all’esterno del mega edificio per vedere con i suoi occhi la situazione. Materia della Prefettura, infatti, è l’ordine e la sicurezza pubblica. L’interesse dunque è reale, la preoccupazione comprensibile e, in sostanza, è plausibile che si metteranno in campo tutti gli strumenti per evitare che si ripetano episodi come quelli dell’altro giorno o bivacchi di abusivi e sbandati.

Degrado all'ex Telecom

A tal proposito la questura dorica in una nota ha fatto sapere di essere risalita ai proprietari dello stabile: «Sono tre società per azioni, le quali d’intesa hanno affidato ad un’altra società immobiliare, con sede a Milano, l’incarico di gestire l’edificio in esame. Gli investigatori hanno preso contatti con quest’ultima società, sottolineando la situazione di potenziale pericolo connessa all’immobile, a causa dello stato di degrado e di abbandono in cui lo stesso versa. L’intervento della Polizia ha già mostrato i primi risultati». Da quanto si apprende ieri «un rappresentante della società gestrice si è presentato in questura per sporgere formale denuncia per i fatti verificatisi a Pasquetta ed i danneggiamenti che ne sono conseguiti». La società «si è impegnata ad attivarsi immediatamente, attraverso una ditta specializzata, al fine ripristinare le condizioni di sicurezza dello stabile. Ciò risulta indispensabile per evitare il ripetersi di eventi come quello accaduto lunedì e, più in generale, l’accesso da parte di persone esterne non autorizzate».

Insomma, fare presto e bene nel palazzone di via Miglioli sembra essere l’unica soluzione per contenere l’enorme degrado che attanaglia l’edificio, sia all’interno che all’esterno. A terra infatti si trovano decine di piatti sporchi di cibo per gatti, bisogna stare bene attenti a dove si mettono i piedi mentre i graffiti e le scritte contro la polizia riempiono i muri. Non mancano poi i vetri rotti, la sporcizia ovunque, i cestini colmi d’immondizia e il verde incolto che pian piano sta inghiottendo anche i balconi.

I dubbi sulla chiusura: «In molti sapevano, quella struttura aveva tutto»

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Telecom, la mega struttura fulcro del degrado: il prefetto Pellos fa un tour del palazzo abbandonato

AnconaToday è in caricamento